Giovedì, 16 Settembre 2021
Governo

Giustizia, la riforma di Renzi in dodici punti

Dopo un lunghissimo consiglio dei ministri il premier Matteo Renzi annuncia: la riforma della giustizia avverrà in tempi brevi e sarà articolata in dodici punti. Ecco quali

Andrea Orlando e Matteo Renzi (Infophoto)

ROMA - Si va dal processo civile più snello al ripensamento del Csm, passando per la riforma della prescrizione, una normativa sul  falso in bilancio "degna di questo nome" e la responsabilità civile dei magistrati "sul modello europeo". C'è tutto nei dodici punti della riforma della giustizia che Matteo Renzi ha presentato al termine del Consiglio dei ministri di ieri sera.

Il premier ne ha illustrato i punti principali, premettendo che "per due mesi vogliamo discutere in modo non ideologico, ma filosofico, concettuale e astratto prima dell'approvazione. Vogliamo coinvolgere l'Italia su questo tema". Anche perché "sono 20 anni che sulla giustizia si litiga senza discutere. Noi cambiamo metodo per discutere nel merito e possibilmente senza litigare", ha chiarito Renzi.

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha illustrato i contenuti della riforma. Il primo punto  che il governo sta preparando è la riduzione dei tempi del processo civile, con un obiettivo chiaro: "Approveremo i ddl il primo settembre, quando partirà l'operazione mille giorni. Al termini dei mille giorni, l'Italia deve avere un processo civile che dura un anno per il primo grado. Tutti i nostri competitor hanno un primo grado che dura meno di un anno, noi vogliamo arrivare a quelle cifre lì", ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Questo l'elenco dei dodici punti presentati e illustrati in conferenza stampa dal premier: 1) giustizia civile: riduzione dei tempi. Un anno in primo grado; 2) giustizia civile: dimezzamento dell'arretrato; 3) corsia preferenziale per le imprese e le famiglie; 4) Csm: più carriera per merito e non grazie alla 'appartenenza'; 5) Csm: chi giudica non nomina, chi nomina non giudica; 6) responsabilità civile dei magistrati sul modello europeo; 7) riforma del disciplinare della magistrature amministrative speciali (amministrativa e contabile); 8) norme contro la criminalità economica (falso in bilancio, autoriciclaggio); 9) accelerazione del processo penale e riforma della prescrizione; 10) intercettazioni (diritto all'informazione e tutela della privacy); 11) informatizzazione integrale del sistema giudiziario; 12) riqualificazione del personale amministrativo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giustizia, la riforma di Renzi in dodici punti

Today è in caricamento