Mercoledì, 23 Giugno 2021
Sanità

Sanità, il taglio degli esami "inutili" fa infuriare i medici

Secondo le misure previste dal governo saranno ben 208 le "prestazioni" che dovranno avere requisiti specifici: tra queste tac, risonanze e misurazione del colesterolo. I medici: "E' una pesante ingerenza che umilia le peculiarità della professione medica"

ROMA - "Appropriatezza" è la parola d'ordine del ministero della Salute che in nome della spending review ha individuato 208 prestazioni specialistiche - misurazione del colesterolo, tac, risonanze, inserimento di alcune protesi - che per essere a carico del Servizio Sanitario dovranno soddisfare requisiti specifici. 

LA LISTA DEL MINISTRO - La lista, contenuta in un apposito decreto, che per diventare definitivo dovrà passare al vaglio della Conferenza Stato-Regioni, è stata presentata ieri sera dal ministro Lorenzin ai sindacati medici che però dicono no, pur con qualche eccezione.

I camici bianchi puntano il dito sul fatto che l'intrusione della politica mette a rischio il ruolo del medico e sia i medici di famiglia che gli ospedalieri che i dirigenti minacciano di alzare il tono della protesta. 

LA REPLICA - E al ministro Lorenzin che assicura si tratti solo di togliere esami inutili per far spazio all'appropriatezza e ricorda che la lista è stata elaborata dalle società scientifiche e rivista dal Consiglio Superiore di Sanità, rispondono oggi i medici dirigentio Anaao Assomed:

Non è compito della politica definire i criteri dell'appropriatezza clinica, valore in cui pure ci riconosciamo, invadendo l'autonomia e la responsabilità dei Medici. Senza contare i veri e propri strafalcioni o gli esempi di inappropriatezza assunti a sistema presenti nella parte tecnica del decreto, che la dicono lunga sulle competenze e sull'attenzione riservate a materia delicata che attiene il diritto alla salute dei cittadini. 

COSA CAMBIA - Fra le 208 prestazioni riviste figurano esami di routine, come quelli per la misura del colesterolo o dei trigliceridi, ad esempio, che con le nuove regole potranno essere effettuati a carico del Servizio sanitario nazionale come "screening" negli over40 anni e nei soggetti con fattori di rischio cardiovascolare. Ma "in assenza di valori elevati, modifiche dello stile di vita o interventi terapeutici, l'esame è da ripetere a distanza di 5 anni". 

TAC E RISONANZE - Sotto la lente anche per tac e risonanze: la risonanza della colonna (cervicale, toracica, lombosacrale), ad esempio, sarà a carico del Servzio sanitario nazionale, a condizione che vi sia "dolore rachideo in assenza di coesistenti sindromi gravi di tipo neurologico o sistemico, resistente alla terapia, della durata di almeno 4 settimane. Traumi recenti e fratture da compressione. In caso di negatività l'esame non deve essere ripetuto prima di 12 mesi". 

RABBIA DEI MEDICI - Ma le specialità mediche toccate sono molte e le 208 prestazioni individuate spaziano fra medicina nucleare, odontoiatria, radiologia, prestazioni di laboratorio, dermatologia allergologica. Un elenco a parte riguarda i test genetici. Una "pesante ingerenza che umilia le peculiarità della professione medica", secondo Anaao Assomed che, sottolinea, "insieme alla legge di stabilità e ai tagli del Fondo sanitario nazioanel, al Decreto legge sulla responsabilità professionale, al contratto di lavoro e ai decreti delegati riguardanti il personale delle amministrazioni pubbliche, è tra le cause del malessere professionale che ha portato alla mobilitazione della categoria ormai in atto". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, il taglio degli esami "inutili" fa infuriare i medici

Today è in caricamento