rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
ROMA

Roma, l'assessore Muraro: "Ho saputo di essere indagata a fine luglio"

Davanti alla commissione Ecomafie l'assessora all'ambiente ha ammesso di essere venuta a conoscenza dell'iscrizione per reati ambientali già pochi giorni dopo la sua nomina. Raggi: "A me lo ha comunicato il giorno dopo, ma non c'è nessun avviso di garanzia". Il Pd: "Ha mentito a sangue freddo"

L'assessore all'Ambiente del Comune di Roma, Paola Muraro, è stata iscritta nel registro degli indagati dalla Procura di Roma dallo scorso 21 aprile. Lo ha reso noto il presidente della commissione Ecomafia, Alessandro Bratti, aprendo l'audizione della sindaca di Roma Virginia Raggi e dell'assessore Muraro, leggendo una comunicazione giunta direttamente dalla Procura - richiesta dalla stessa commissione - nella quale si precisavano i procedimenti in atto nei confronti dell'assessore.

Bratti ha quindi domandato alla Muraro se fosse a conoscenza di essere stata iscritta nel registro degli indagati e l'assessore ha risposto: "A fine luglio sono venuta a conoscenza di un 335, articolo 256 comma 4", del testo unico Ambiente, riguardante relazioni delle norme ambientali sulla gestione dei rifiuti. La Muraro era stata nominata assessore da Virginia Raggi il sette luglio. 

La sindaca Raggi ha ammesso di essere stata informata dell'indagine "dal giorno successivo", ovvero il 19 luglio: "Ma si tratta di una contestazione generica - ha detto la sindaca - e non c'è ancora alcun avviso di garanzia e soprattutto abbiamo fatto questa valutazione in una riunione dove era presente anche l'ex capo di gabinetto che ci ha confortato dicendoci che era tutto troppo generico per sapere di cosa si stava parlando. Non appena si saprà qualcosa di più preciso si prenderanno provvedimenti".

Intanto arrivano le prime reazioni:  "Paola Muraro ha mentito. Sapeva da tempo di essere indagata e ha continuato, con sangue freddo, a sostenere di non sapere nulla di indagini della procura nei suoi confronti", ha dichiarato Stella Bianchi, deputata e componente Pd nella Commissione sul Ciclo dei rifiuti.

"E sono indagini - continua - a quanto apprendiamo, su reati come traffico illecito di rifiuti, abuso d'ufficio, truffa, falso in atti pubblici", ha affermato la Bianchi. "Muraro ha ammesso che sapeva di essere indagata dal 18 luglio. Fino ad oggi ha sempre negato. Raggi sapeva?", ha scritto in un tweet Alessia Morani, vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera, con hashtag "honestà" "bugie stellari".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, l'assessore Muraro: "Ho saputo di essere indagata a fine luglio"

Today è in caricamento