Sabato, 20 Luglio 2024
Crisi economica / Roma

Senza Salva, Roma può crollare in un giorno: domenica

La prima reazione al blocco del decreto da parte del governo Renzi arriva da Marino: "Domenica blocco la città". La notizia anche oltreoceano. Funesta la previsione del Wall Street Journal: "Bancarotta stile Detroit"

Domenica tutti a piedi. Domenica niente servizi. Domenica Roma potrebbe precipitare nel caos. Parola di sindaco, di Ignazio Marino che ha commentato così a Radio 24 la decisione del governo Renzi di bloccare il Salva Roma: "Io da domenica blocco la città. Quindi le persone dovranno attrezzarsi, fortunati i politici del palazzo che hanno le auto blu, loro potranno continuare a girare, i romani non potranno girare". 

Un avvertimento che segue la previsione, funesta, del quotidiano finanziario newyorkese Wall Street Journal che vede per la città Eterna "un tracollo sull'orlo di una bancarotta stile Detroit". Roma, per il quotidiano di Manhattan, è così "il primo mal di testa politico del premier Matteo Renzi". Conseguenza: "I padri di Roma saranno costretti a sgradevoli scelte come tagliare i servizi pubblici, alzare le tasse o dilazionare i pagamenti ai fornitori... in attesa di un nuovo decreto".

POLEMICHE - E se Marino ha stoppato la minaccia di dimissioni, come reazione ha cominciato ad agitare lo spettro di una città, la Capitale, paralizzata: "Sono veramente arrabbiato e lo sono anche i romani, e hanno ragione” ha affermato il sindaco parlando ai microfoni di Radio 24. I romani - come riporta Roma Today - “dovrebbero inseguire la politica con i forconi. Si è mai sentito a Washington o a Parigi qualcuno che dice 'speriamo venga Nerone a bruciare la Capitale?' Così direbbero i francesi o gli inglesi della loro Capitale?” parole di fuoco che non nascondono una critica al neo governo Renzi che non ha portato a casa un decreto approdato in Parlamento dal precedente esecutivo guidato da Letta. 

IL SALVA ROMA - “Il Governo deve darci gli strumenti legislativi per poter risanare una volta per tutte, io non chiedo soldi. Quello che la stampa chiama Salva Roma altro non è che la restituzione dei soldi dei romani che devono essere restituiti ai cittadini di questa città. Ce li devono ridare. Voglio governare responsabilmente questa città”. Il primo cittadino non ci ha pensato due volte ad alzare i toni dello scontro con il governo prefigurando un eventuale fallimento dell'operazione Salva-Roma. “Da domenica blocco la città. I romani non potranno girare. Le persone dovranno attrezzarsi. Fortunati i politici del palazzo che hanno le auto blu e potranno girare”. 

COUNTDOWN - Meno di quarantotto ore separano la Capitale dal fallimento. Una bozza di testo però è già pronta e dovrebbe approdare in Consiglio dei Ministri entro venerdì, data di scadenza del precedente decreto. Un passaggio necessario, altrimenti decadrebbero le norme che hanno permesso alla Capitale di chiudere, alla fine dell'anno scorso, il bilancio del 2013. 

Guarda il servizio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senza Salva, Roma può crollare in un giorno: domenica
Today è in caricamento