rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Politica Italia

Salvini e Berlusconi firmano la pace di Arcore, ma la Lega flirta col M5s

Il centrodestra non vuole lasciare Palazzo Chigi a Di Maio. Berlusconi, Salvini e Meloni si sono riuniti ad Arcore e hanno concordato la linea comune da presentare alle prossime consultazioni. E dettano le condizioni all'accordo con il Movimento 5 stelle

Il nuovo governo? il centrodestra non vuole lasciare Palazzo Chigi ai 5 stelle. Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni si sono riuniti ad Arcore e hanno concordato la linea comune da presentare alle prossime consultazioni con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

I tre leader del centrodestra rivendicano, in una nota congiunta, la necessità di esecutivo politico e rispettoso della volontà espressa dai cittadini nelle elezioni dello scorso 4 marzo "dopo anni di governi nati da giochi di palazzo".

Le condizioni del centrodestra per trattare con Di Maio

I tre leader del centrodestra dettano i punti chiave da cui non intendo arrestrare in una trattativa da intavolare con il Movimento 5 stelle.

  • il presidente del consiglio dovrà essere espressione dei partiti di centrodestra;
  • nessun veto a Forza Italia, l'unità della coazione di centrodestra non si tocca
  • così come non si toccano i principali punti del programma sottoscritto da Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia prima del voto: "taglio delle tasse, incentivi al lavoro, il blocco dell'immigrazione clandestina, garanzie per la sicurezza dei cittadini e sostegno alle famiglie".

Salvini: "Senza numeri meglio tornare a votare"

Il leader della Lega, Matteo Salvini, candidato premier della coalizione di centrodestra, dopo il vertice di Arcore ha chiarito come senza un accordo con le forze politiche che vogliono sottoscrivere il programma del centrodestra, l'unica strada sarà quella di tornare al più presto al voto. 

Salvini: "Parlo con Di Maio, non con il Pd"

"In settimana continuerò a dialogare con altri (a cominciare da Di Maio) l'unica cosa che escludo è di fare un governo insieme al PD, che ha fatto disastri negli ultimi sei anni" scrive su facebook Matteo Salvini.

"Vorrei, finalmente, un governo scelto dai cittadini. Se il voto degli italiani conta, è giusto che la coalizione che ha preso più voti abbia la responsabilità di governare".

Salvini ribadisce i suoi impegni: "Cancellare la legge Fornero, tagliare sprechi e burocrazia, difendere l`Italia dalle disastrose politiche europee, ridurre le tasse a famiglie, lavoratori e imprenditori, garantire il diritto alla legittima difesa, valorizzare comunità e autonomie, controllare i confini ed espellere i clandestini. Si parte da qui, di altro si può discutere".

La posizione della Lega era stata annunciata anche dal "numero due" del Carroccio, Giancarlo Giorgetti, capogruppo della Lega alla Camera, che ospite di Lucia Annunziata  '1/2h in più' su Raitre, aveva precluso la partecipazione della Lega ad un governo istituzionale. "Noi della lega- spiega- non saremo in un governo con personaggi non votati da nessuno, i famosi governi tecnici, un'esperienza bocciata dal popolo italiano il 4 marzo".

Giorgetti (Lega): "Ragionare su premier terzo"

Da un alleanza centrodestra-M5s può nascere un governo forte che possa difendere l'Italia in Europa. Piaccia o no questo è il mandato dell'elettorato". E Giorgetti rilancia "il metodo delle elezioni dei presidenti delle Camere al governo". La "formula" dunque può essere quella di "un contratto alla tedesca, ci mettiamo attorno a un tavolo e decidiamo i provvedimenti da fare". 

"Dobbiamo riapplicare il metodo usato per l'elezione dei presidenti delle Camere alla formazione del governo. I 5 stelle hanno il diritto-dovere di dare un governo a paese. Che piaccia o no a Berlusconi e Di Maio centrodestra e M5S sono le forze che hanno avuto i voti". 

Da Di Maio veto su Berlusconi

Luigi Di Maio da Aosta dove è impegnato nella raccolta firme per la lista M5s alle prossime elezioni regionali, è tornato a rivolgersi al leader della Lega: "Salvini non ci può chiedere un governo ammucchiata che non può fare bene all'Italia, non pensino che quel film possa essere condivisibile dal Movimento".

"Io capisco che Salvini abbia difficoltà ad allontanarsi da Berlusconi ma da Arcore non può partire nessuna proposta di cambiamento dell'Italia, questo deve essere chiaro". 

"Se la Lega è interessata al cambiamento venga al tavolo, io mi sono rivolto a loro, discutiamo delle proposte per gli italiani e mettiamoci al lavoro - spiega Di Maio - Non è un governo di cambiamento che immaginiamo quello che chiede Salvini, cioè un governo ammucchiata con dentro Meloni, Salvini, Berlusconi e il M5s"

di maio grillo casaleggio

"Buona domenica a tutti!". Lo scrive su facebook Luigi Di Maio, che ha incontrando Davide Casaleggio e Beppe Grillo, vicino a Ivrea nella villa del cofondatore del M5s Gianroberto Casaleggio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvini e Berlusconi firmano la pace di Arcore, ma la Lega flirta col M5s

Today è in caricamento