Lunedì, 8 Marzo 2021
il caso

Uova, petardi e carta igienica: tutte le contestazioni a Salvini

Arriva a Roma, che però adesso non è più "ladrona": il leader della Lega cerca di ricucire con gli interessi politici un passato anti-meridionalista. Ma non tutti sono contenti: a Roma si mobilita una città ma non è la prima volta che succede

Sta facendo rinasce la destra, orientandola al modello xenofobo e anti-islamista di Marine Le Pen. Oramai Matteo Salvini non è soltanto leader del Carroccio, ma di tutta una destra che appoggia quel tipo di atteggiamento politico, che sempre di più (in contemporanea con l'ascesa mediatica e non solo dell'Isis) si sta diffondendo in tutta Europa. Il rottamatore di Berlusconi, nuovo volto della destra, in realtà milita nelle fila della Lega dal 1993. Anzi in molti lo ricordano cantare contro i napoletani, durante una delle feste del partito. Motivo per cui l'altro Matteo non è ancora riuscito a rottamare i suoi contestatori: antirazzisti, antifascisti e chi ancora ricorda quei canti che lui stesso ha definito "goliardici". 

CONTRO ROM E IMMIGRAZIONE - I suoi cavalli di battaglia sono i Rom e l'immigrazione clandestina, tanto che quando le numerose contestazioni ricevute hanno preso luogo, spesso lo hanno fatto nei pressi di campi e centri d'accoglienza. Come è successo a Bologna, dove ad accoglierlo al campo Sinti di Villa Erbosa, c'erano i centri sociali e gli studenti. Pochi giorni dopo la stessa cosa è successa alle porte del Cie di ImolaL'Emilia non sembra proprio essere il posto per Salvini, visto che dopo Imola è stata la volta di Parma, dove è stato contestato in pieno centro, nei pressi di piazza Garibaldi. 

CHI NON PERDONA - Il dente più avvelenato forse ce l'hanno quelli che il maestro fidato di Salvini, Umberto Bossi, chiamava "terroni": la contestazione di Palermo è stata una delle più intense. Lui aveva scelto quella piazza proprio per presentare il suo nuovo progetto politico "Noi Con Salvini". Fuori dal hotel delle Palme, dove si svolgeva la presentazione, un vero e proprio "rifiuto di piazza": slogan, cartelli e striscioni con la scritta "Lega Ladrona, Palermo non perdona". 

Un'altra città che non dimentica è Napoli, dove Matteo è di nuovo andato a presentare il suo nuovo progetto politico: qui sono volate uova e fuochi d'artificio. Ma Napoli si è distinta per la creatività di chi Salvini non lo voleva: oltre alla carta igienica con la sua faccia in vendita nelle bancarelle, due comici hanno sfilato per le vie del capoluogo campano con la maschera del leader della Lega e le reazioni delle persone non sono certo state accoglienti

GUARDA IL VIDEO CON LA "PASSEGGIATA DI SALVINI" A NAPOLI

Ora Salvini prova a marciare su Roma e si porta dietro anche i neo-fascisti di Casa Pound in piazza con lui. Ma da qualche settimana anche la capitale ha iniziato a mobilitarsi e il tutto culmina nella manifestazione di oggi. In tutti i quartieri di Roma antifascisti e antirazzisti hanno dato sfogo alla propria creatività, per far comprendere che "la Lega a Roma non la vuole nessuno". Facebook e Twitter si sono riempiti di foto delle scritte e delle iniziative fatte per non accogliere Salvini, tutte marcate dal hashtag #maiconsalvini, che è anche diventata una comunità su Facebook, dando vita a un vero e proprio movimento contro di lui. 

Il movimento ha coinvolto diversi personaggi dello spettacolo e della cultura, di Roma ma non solo: Elio Germano è stato uno dei primi ad apparire pubblicamente in un video girato in un campo Rom della capitale, per spiegare le ragioni per cui Salvini a Roma non è il benvenuto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi è stata la volta di ZeroCalcare, che oltre a firmare la locandina della manifestazione, ha anche rilasciato delle dichiarazioni che hanno fatto infuriare un altro blogger romano, ex-candidato delle fila di Rutelli, in corsa contro Alemanno per la carica di sindaco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Senza contare le altre firme illustri dell'appello "anti-Salvini": Moni Ovadia, Erri De Luca, Ascanio Celestino. Nella mobilitazione è stato coinvolto anche l'ottavo Re di Roma, il capitano Francesco Totti. 

totticalciaSalvini-2

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uova, petardi e carta igienica: tutte le contestazioni a Salvini

Today è in caricamento