Sabato, 23 Gennaio 2021

Salvini vuole un ricorso al Tar contro il Dpcm

Nel mirino della Lega ci sono le norme che riguardano bar, pub, ristoranti e gli esercizi pubblici come le palestre. I sindaci in prima linea

Matteo Salvini vuole un ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio contro il Dpcm 24 ottobre. Nel mirino della Lega ci sarebbero le norme che riguardano bar, pub, ristoranti e gli esercizi pubblici in generale come le palestre. 

Salvini vuole un ricorso al Tar contro il Dpcm

Una nota della Lega pubblicata nella tarda serata di ieri ha fatto sapere che si è svolta una giornata di confronto per Matteo Salvini, che ha ascoltato le preoccupazioni di sindaci e governatori della Lega. Nel tardo pomeriggio, spiegano fonti leghiste, "il leader del primo partito italiano si è confrontato in teleconferenza con i presidenti delle Regioni, preoccupati che i sacrifici imposti dal governo mettano in ginocchio l'economia senza produrre risultati efficaci sul fronte sanitario". Alcuni primi cittadini della Lega, affermano le stesse fonti, "stanno valutando di ricorrere al Tar contro il Dpcm. Per l'ennesima volta, gli amministratori locali hanno lamentato la totale assenza di confronto e di condivisione da parte del governo". 

In serata proprio Salvini su Instagram ha precisato le sue intenzioni: il governo prima ha detto "se ti metti a norma ti faccio lavorare, e poi Conte ha detto 'hai speso soldi per metterti a norma? Non me ne frega niente, ti chiudo per un mese. I contagi aumentano, ma non aumentano in palestra, al bar, al teatro. Cosa ha fatto Conte per potenziare il trasporto pubblico? Zero. Cosa ha fatto per le cure a domicilio? Zero. Il problema non è al bar o in palestra, il problema è in autobus, in metropolitana...". Per questo "Ci stiamo organizzando, oggi ho sentito i nostri amministratori, alcuni dei sindaci della Lega faranno ricorso contro questo decreto che è ingiustamente punitivo". Il Capitano ha anche parlato delle proteste per il provvedimento: "Nessuno deve dire che sono delinquenti, negazionisti, camorristi, certo se uno tira sassi ai poliziotti è un cretino e un criminale, ma in quelle piazze tantissime ci sono persone perbene, tanti padri di famiglia preoccupati". E sta valutando anche un'arma finale:  "Chiederemo un incontro al presidente Mattarella, che è il garante della Costituzione".

"Tu ci chiudi, tu ci paghi": chi protesta contro il nuovo Dpcm

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvini vuole un ricorso al Tar contro il Dpcm

Today è in caricamento