Domenica, 28 Febbraio 2021

Salvini il ribelle del Dpcm: "Zona rossa? Io esco"

Il leader della Lega non ci sta e si ribella all’ipotesi di un Natale blindato, e avverte Conte: “Non potete chiudere in casa il cuore degli italiani”

Matteo Salvini a Natale non starà a casa. Di fronte alla prospettiva di un Natale giocoforza blindato e in zona rossa per limitare al diffusione del coronavirus, il leader della Lega annuncia che lui invece uscirà perché non gli si può impedire, dice, di portare avanti quella che chiama “operazione sorriso”. 

“Mi autodenuncio. Se la scelta del governo sarà che il 25 non si può uscire di casa neanche portare coperta o un piatto caldo a chi dorme in strada e ha freddo - spiega in una diretta social - io lo farò lo stesso, come da anni sono abituato a fare, a portare dei doni ai bambini, pranzare insieme ai clochard, il giorno di Natale. Non potete chiudere in casa il cuore e la voglia di aiutare degli italiani".  Salvini promette disobbedienza, ma “in maniera rispettosa delle regole del distanziamento, con la mascherina”. 

Salvini il ribelle del Dpcm: "Mi autodenuncio, uscirò lo stesso"

“Io preannuncio che se il governo deciderà tutti chiusi in casa impedendo alle famiglie di riunirsi, io lo faccio, io esco”, ribadisce Salvini, che lancia poi un accorato appello: “Non potete congelare il cuore degli italiani. In maniera prudente con la mascherina, organizziamo il cuore degli italiani. Coordiniamoci. Mettiamoci d'accordo in tutte le città”.

Poi l’appello/avvertimento rivolto anche al premier Conte: "Lo dico a Conte se ci ascolta. Nessuno pensa ai festoni con centinaia di persone, veglioni di Capodanno. Ma dividere le famiglie non ha senso scientifico, non combatte il Covid e devasta la testa e il cuore". 

Zona rossa e arancione, coprifuoco anticipato e deroghe per i non conviventi: ecco i divieti di Natale 2020 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvini il ribelle del Dpcm: "Zona rossa? Io esco"

Today è in caricamento