"Non siamo più terroni di m...a?": selfie-agguato a Salvini (che la prende malissimo)

Durante il tour elettorale a Salerno, una ragazza finge di fare una foto con il leader della Lega ma poi gira un video per ricordare a Salvini i vecchi insulti al Sud

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

"Salvini, non siamo più terroni di merda?". La ragazza che pubblicando questo video sul suo profilo Facebook si definisce provocatoriamente terrona era tra le centinaia di persone che hanno presenziato alla visita di Matteo Salvini a Salerno. Il vicepremier ha tenuto un comizio in Piazza Portanova. La giovane si è avvicinata al ministro dell'Interno al termine del suo discorso fingendo di volersi scattare un selfie con lui.

In realtà stava girando un video per ricordare al leader della Lega i vecchi insulti nei confronti del Sud Italia e dei suoi cittadini.

Salerno, la ragazza e il video con Salvini: "Non siamo più terroni di merda?"

Nel video, poi condiviso dalla ragazza sul suo profilo social, si sente il leader della Lega chiedere di cancellare quel filmato, prima dell’intervento della Digos. "Cancella questo video", ha replicato il vicepremier rivolto agli agenti che lo circondavano. Le forze dell'ordine hanno allontanato la ragazza requisendole il telefono, che in seguito le è stato restituito.

Emanuele Fiano, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera, ha annunciato "con il gruppo Pd anche alla Camera un'interrogazione per sapere chi dia a Salvini il potere di far cancellare un video e di far requisire un telefonino. Quale ipotesi di reato della ragazza ha fatto scattare i provvedimenti? Ci chiediamo se la legge sia ancora uguale per tutti". 

Potrebbe Interessarti

  • Concorso navigator, "domande spiazzanti e assurde" al test: le interviste ai candidati

  • Boccone di traverso, cliente sta per soffocare: ristoratore lo salva con manovra di Heimlich

  • Cannabis light, s'incatena davanti al negozio chiuso: "Non mi sento più italiano"

  • Col tonno (intero) in ascensore: poi scattano i controlli del servizio igiene

Torna su
Today è in caricamento