rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Politica

Sardine, le prossime mosse: dal Papeete a Scampia passando per Bibbiano

Si terrà a Scampia, a Napoli, il 14 e 15 marzo l'incontro nazionale che darà il via a un confronto tra le varie anime e territori, una sorta di 'congresso' per delineare il futuro del movimento. Oggi appuntamento a Bibbiano. Sabato flash mob a Milano Marittima

La nuova fase del movimento delle Sardine prenderà le mosse da un luogo simbolo: si terrà a Scampia, a Napoli, il 14 e 15 marzo l'incontro nazionale che darà il via a un confronto tra le varie anime e territori, una sorta di 'congresso' per delineare il futuro del movimento. "Scampia è uno dei quartieri più giovani, uno dei tanti luoghi che hanno vissuto una demonizzazione mediatica che non riflette appieno la realtà", dice il leader delle Sardine Mattia Santori spiegando la scelta.

Sardine a Scampia il 14 e 15 marzo per l'incontro nazionale

Manca ancora tanto all'incontro nazionale di Scampia. Prima ci sono le attesissime elezioni regionali in Emilia Romagna, la regione in cui le Sardine sono "nate". Oggi, giovedì, le Sardine sono a Bibbiano in contemporanea con il comizio di Salvini. Appuntamento alle 19 nel paese della Val D’Enza finito nel ciclone per l’inchiesta sui presunti affidi illeciti. Il comizio del leader della Lega davanti al municipio da una parte e il flash mob delle Sardine a duecento metri di distanza. Duecento agenti impegnati in paese oggi.

Sabato simbolico appuntamento al Papeete Beach, il luogo che è solito frequentare in vacanza il leader della Lega Matteo Salvini a Milano Marittima. Il Papeete ovviamente in inverno è chiuso.  "I politici in Parlamento e le sardine al mare": così viene annunciato su Facebook il flashmob. Il tuffo è in programma alle ore 12. "C’è chi dice che sono i gesti folli che cambiano il corso della storia, ma noi preferiamo pensare che siano i gesti ordinari a cambiare il mondo in cui viviamo" si legge nella presentazione del "tuffo in mare al Papeete".

Santori (Sardine): "Se Bonaccini perdesse, sarebbe tutto più difficile"

"Se Bonaccini perdesse, sarebbe tutto più difficile. Se vincesse, noi saremmo il vero elemento nuovo del voto e qualcosa bisognerà costruire. È un dato di questi giorni che, su Google Trend, le Sardine hanno scalzato Salvini come prima ricerca". Lo ha detto il leader delle sardine, Mattia Santori, commentando in un'intervista a "Qn" la portata politica nazionale delle elezioni regionali in Emilia Romagna Molti sostengono che le Sardine non sposteranno voti. "Credo che noi siamo stati la risposta alla scelta di nazionalizzare il voto in Emilia Romagna. A livello locale la sfida è Bonaccini contro Borgonzoni, a livello nazionale - conclude Santori - il match è Salvini contro Sardine". Non un bello scenario per il Partito democratico, a ben vedere: secondo Santori le Sardine avrebbero oscurato i dem in Emilia nelle ultime settimane. Domenica sera tutto sarà più chiaro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sardine, le prossime mosse: dal Papeete a Scampia passando per Bibbiano

Today è in caricamento