Martedì, 19 Ottobre 2021
Politica Italia

Controlli biometrici per tre milioni di statali: a settembre il governo rivoluziona la Pa

I sindacati avversano il piano di controlli dei dati biometrici. Per il segretario della Uilpa "un offesa alla dignità dei lavoratori pubblici". A settembre il disegno di legge sarà presentato al Parlamento insieme al piano di assunzioni

La pubblica amministrazione da settembre è destinata ad essere "rivoluzionata", dopo la pausa estiva il Parlamento riceverà il cosidetto disegno di legge "concretezza" scritto dal ministro Giulia Bongiorno. Oltre alle già annunciate assunzioni (una vera e propria infornata di Statali), fra le novità più rilevanti vi è l'idea di utilizzare le impronte digitali per stanare i "furbetti del cartellino".

Una mossa che trova l'opposizione dei sindacati: il Segretario Generale della UIL Pubblica Amministrazione, Nicola Turco vede nel provvedimento anti-furbetti "una partenza col piede sbagliato" poiché, spiega il dirigente sindacale "è necessario che - prima di ogni cosa - ci venga restituita la dignità".

"Ricordiamo al Ministro della P.A. che i soggetti che hanno posto in essere comportamenti illegali costituiscono lo 0,3% di una platea composta da circa tre milioni di lavoratori pubblici. Il  99,7% di lavoratori - sebbene vilipesi ed offesi nella propria dignità - continuano ad esercitare quotidianamente la propria funzione di pubblico dipendente".

Il dirigente plaude all'annunciato piano di assunzioni che daranno il via ad un vero e proprio ricambio generazionale.

"Così come è assolutamente condivisibile e innovativo il discorso della responsabilizzazione della dirigenza, che presuppone che la stessa operi nella consapevolezza di essere valutata e retribuita a seguito delle scelte fatte, fermo restando che l'assunzione delle decisioni deve avvenire, nel rispetto delle regole, attraverso la contrattazione, stendendo finalmente un velo pietoso sui quei nefasti provvedimenti del passato, adottati senza alcun confronto, tra i quali spiccano sicuramente quelli relativi alla premialità, troppo spesso concepiti soltanto per soddisfare il proprio cerchio magico senza il riconoscimento di alcuna meritocrazia"

''Siamo fortemente convinti di tali iniziative'', incalza il Segretario Generale della Uilpa che propone una task force che ponga in essere interventi mirati per il reclutamento di personale, reinternalizzazione dei servizi e valorizzazione delle professionalità esistenti.

Scuola, arriva il via libera per l'assunzione di oltre 57mila docenti 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli biometrici per tre milioni di statali: a settembre il governo rivoluziona la Pa

Today è in caricamento