rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Politica

Lo stop di Bonaccini: "Chi lascia il Pd sbaglia"

Il presidente dell'Emilia Romagna, sconfitto domenica alle primarie, blocca ogni ipotesi di fuga dai democratici. E si dice disponibile ad aiutare Elly Schlein nella nuova avventura

"Sono convinto che chi esce" dal Pd "sbaglia". Parola di Stefano Bonaccini. A quasi 48 ore da una sconfitta amara e imprevista contro Elly Schlein, il governatore dell'Emilia Romagna chiarisce la sua posizione. "Chi mi conosce sa che io ho una parola prima e dopo: ho detto che se avessi prevalso io avrei chiesto a lei di dare una mano, avendo prevalso Elly mi metto a disposizione per dare una mano. È doveroso fare così - continua -, l'avversario è la destra. Ho sofferto troppo negli anni scorsi per le liti e le divisioni. È quello che si aspettano nostri iscritti ed elettori che hanno visto troppe volte dirigenti dividersi e litigare. Ora tocca a lei la responsabilità di tenere insieme il partito e avanzare una proposta. Da parte mia c'è tutta la disponibilità a dare una mano per tenere unito il partito".

Bonaccini comunque chiarisce che non ha alcuna intenzione di ritirarsi dal palcoscenico nazionale: "Ho ricevuto tantissimi messaggi, ho sentito preoccupazione che io mi ritiri in Emilia Romagna per i prossimi due anni. Qui c'è l'impegno per questa bellissima regione, ma capisco anche la richiesta a restare in campo anche perché i voti raccolti sono poco meno della metà del voto al congresso". Poi sgombra il campo dal dubbio che sia sua intenzione mettere i bastoni tra le ruote del carro della nuova segretaria: "Fare il leader dell'opposizione per preparare la rivincita? Per me l'unica rivincita è quella contro la destra, l'unico contributo che voglio dare è per una rivincita non dentro il partito ma nel paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo stop di Bonaccini: "Chi lascia il Pd sbaglia"

Today è in caricamento