rotate-mobile
Lunedì, 4 Marzo 2024
Il caso

Strage di Fidene, il pasticcio dell’avvocatura di Stato finisce in Parlamento

Francesco Emilio Borrelli, deputato dell’alleanza Verdi Sinistra, annuncia un’interrogazione parlamentare sulla richiesta di "non luogo a procedere" nei confronti del pluriomicida Claudio Campiti, avanzata dei legali di Palazzo Chigi

Una storia che ha dell’incredibile. L’avvocatura dello Stato, coinvolta nel processo sulla strage di Fidene – che vede rinviato a giudizio Claudio Campiti, l'uomo che l’11 dicembre del 2022 sottrasse un’arma da fuoco dal poligono di tiro di Tor di Quinto e uccise quattro donne, ferendo altre cinque persone, durante un'assemblea di condominio – chiede il "non luogo a procedere" nei confronti dell'imputato.

La "bugia" di Palazzo Chigi

Una richiesta shock che ieri era stata smentita da una nota di Palazzo Chigi: "Relativamente al giudizio a carico di Claudio Campiti per l'omicidio di Fabiana De Angelis, Nicoletta Golisano, Elisabetta Silenzi e Sabina Sperandio – si legge nella nota della presidenza del Consiglio – l’avvocato dello Stato non ha mai chiesto nell'udienza preliminare che non si procedesse a carico dell’imputato".

Claudio Campiti ha ucciso 4 donne alla riunione di condominio: perché sono coinvolti anche due ministeri 

Una ricostruzione smentita poche ore dopo dagli avvocati di parte civile, che nel frattempo avevano acquisito copia del verbale dell’udienza preliminare dello scorso 27 novembre. "Prendiamo atto che Palazzo Chigi ritiene di prendere posizione sul processo Fidene e sappiamo quanto la pemier abbia a cuore la vicenda, conoscendo personalmente una delle vittime (Nicoletta Golisano, ndr). Tuttavia, la nota diramata non è esatta: l'avvocato dello Stato in aula ha affermato che i ministeri non erano stati chiamati nel processo penale per rispondere dei risarcimenti a causa delle omissioni nel sistema dei controlli, ma per fatto altrui ossia dell'imputato, e quindi ha concluso chiedendo il non luogo a procedere per Campiti. Una scelta difensiva paradossale e certamente provocatoria, ma moralmente inaccettabile proprio perché proveniva da un apparato dello Stato mentre altra parte, il pm, chiedeva di rinviare a giudizio il killer pluriomicida e reo confesso, tanto che neppure il difensore di quest'ultimo ha formulato una tale richiesta".

Borrelli (Verdi Sinistra): "Presenterò interrogazione parlamentare"

"Se anche dal punto di vista tecnico fosse corretto quello che ha fatto l’avvocatura, dal punto di vista umano è una cosa mostruosa. La vita degli esseri umani viene considerata meno di zero, visto che a un certo punto si chiede addirittura l’assoluzione di un omicida". Così Francesco Emilio Borrelli, deputato dell’alleanza Verdi Sinistra, dopo aver appreso la notizia da Today.it.

"La seconda cosa che lascia esterrefatti – continua il deputato – è che si crea un precedente: se chi ha fatto questa strage e la può passare liscia cosa dovremmo dire tutti gli altri? Stiamo facendo cortei per Giulia Cecchettin; quel giorno sono state uccise quattro donne. La terza cosa è uno Stato che non si assume le proprie responsabilità: dovrebbe accadere sere esattamente il contrario. Ultima cosa, ovviamente, è l'idea di una giustizia, di una legge, che è glaciale rispetto a queste tragedie. Davanti a una strage ci dovrebbe essere la solidarietà e la colpevolezza assoluta di chi è oggettivamente, come in questo caso, colpevole".

francesco-emilio-borrelli-lapresse

Una vicenda su cui il parlamentare, che vive sotto scorta per le sue denunce contro le mafie, vuole che sia fatta chiarezza. "Qui non c’è un dubbio: c’è un colpevole che si vorrebbe assolvere per cavilli burocratici o per interpretazione di norme. E questo rende l’idea della mostruosità della cosa. Presenterò un'interrogazione parlamentare perché i ministeri competenti devono assumersi le loro responsabilità. Non possono dire "io non sapevo", come ha fatto Salvini sulle bollette della luce e del gas. Su un fatto così grave devono prendere posizione e far prendere un’altra posizione all’Avvocatura. Altrimenti si viene a creare un precedente orrendo".

Continua a leggere su Today.it...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di Fidene, il pasticcio dell’avvocatura di Stato finisce in Parlamento

Today è in caricamento