rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
La polemica / Roma

Gli striscioni anti Nato e anti Usa al corteo del 25 aprile

L'associazione dei partigiani prende le distanze. Il segretario del Pd contestato a Milano

"Basta guerre. Contro Putin e contro la Nato": questo striscione di Rifondazione comunista, insieme a un altro in cui è rappresenta la morte con la falce e un mantello con la bandiera americana, è presente a largo Bompiani, a Roma, dove ha preso il via il corteo dell'Anpi per il 25 aprile. "Non condivido queste bandiere, sono inopportune, ce ne occuperemo. Siamo grati agli alleati e alle migliaia di giovani statunitensi morti per la Liberazione dell'Italia", ha commentato il presidente di Anpi Roma e Lazio, Fabrizio De Sanctis.

Al corteo dell'Anpi a Roma, organizzato dalle 9.30 alle 11.30 circa, con partenza da largo Benedetto Bompiani (Tor Marancia) per arrivare a piazzale Ostiense, luogo simbolo della Resistenza romana, partecipano circa duemila persone.
 
Sempre a Roma, le associazioni partigiane che non aderiscono all'Anpi, Fiap, Anpc, Fivl, Aned, Anfim e di Ucraini in Italia, con l'adesione di +Europa e Azione, alle 9, in Piazza di Torre Argentina, hanno organizzato una propria iniziativa alternativa con lo slogan: "Celebrare la Liberazione è schierarsi con la resistenza di Kiev".

striscione anti nato 25 aprile roma2-2

Altra atmosfera, invece, alla manifestazione organizzata a Milano. Gli organizzatori per il 25 aprile nella città meneghina hanno contato la partecipazione di 70mila persone, ben oltre le aspettative. "Ci aspettavamo cinquantamila persone", ha detto il presidente dell'Anpi milanese Roberto Cenati. E poi ha proseguito. 'Sono molto contento e se posso voglio dare la mia solidarietà al PD e a Enrico Letta per le contestazioni, inaccettabili".

Cenati infatti si riferisce all'episodio che ha visto come protagonista il segretario del Pd Enrico Letta, contestato da alcuni manifestanti, durante l'iniziativa nel capoluogo lombardo, in quanto "servo della Nato". Letta non si è lasciato intimorire dalle parole di contestazione e su Twitter ha mostrato solidarietà anche all'Ucraina. "A Milano al corteo del 25 aprile per celebrare la Liberazione e l'antifascismo. Insieme a tanti italiani orgogliosi della nostra Costituzione. Con le nostre bandiere e quella italiana, ucraina e dell'Unione europea. Corteo nel quale siamo e sempre saremo a casa nostra". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli striscioni anti Nato e anti Usa al corteo del 25 aprile

Today è in caricamento