rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Politica Italia

Rifiuti, la piccola Aurora 'sfida' i ministri: "Non è giusto morire a 12 anni"

Per contrastare il fenomeno delle discariche abusive e degli incendi dolosi soluzioni "già sentite": ecco cosa prevede il protocollo firmato oggi dal governo a Caserta

Aurora all'apparenza è solo una bambina. In realtà è diventata un vero e proprio simbolo della Terra dei Fuochi, un'eroina capace oggi di "sfidare" i ministri guardandoli negli occhi e chiedere interventi concreti perché in questo territorio non si muoia più nel fiore degli anni.

Nel corso del vertice in Prefettura a Caserta la piccola Aurora ha incontrato la delegazione del governo con il premier Conte ed i ministri Di MaioSalviniCostaBonafedeTrenta Lezzi in città per siglare un protocollo per la Terra dei Fuochi.

Chi è Aurora, la piccola guerriera della "Terra dei cuori" 

"Sono venuta qui per chiedervi aiuto - ha detto ai rappresentanti del Governo - Mentre voi siete qui, stamattina una mia amica di appena 12 anni è morta e questo non è giusto. Voi dovete fare qualcosa per noi". 

Ma chi è Aurora? Ha solo 12 anni e da quattro combatte contro una brutta malattia. Ma è la promotrice di un’associazione che porta il nome: "Terra dei cuori".

Che cosa ha deciso il Governo a Caserta

protocollo terra dei fuochi-2

Il "Protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi" è in documento sottoscritto fra il governo e la regione Campania (

il Governatore Vincenzo De Luca non ha mancato di sollevare polemiche) per contrastare il fenomeno "delle discariche abusive e degli incendi dolosi" con soluzioni "già sentite" come quella di militarizzare un vasto territorio che va dal Nord di Napoli al Sud del Casertano anche ricorrendo a "Droni e satelliti".

Previsto un "daspo ambientale e amministrativo": chi inquina se ne deve andare dal territorio. Niente appalti pubblici e via dal territorio.

L’idea di fondo resta, dunque, quella di aumentare la raccolta differenziata. E per renderla ancora più performante ci sarà una Tarsu ‘personalizzata’: chi fa più raccolta differenziata, risparmierà di più in bolletta.

"Il piano di azione previsto da questo protocollo - ha spiegato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa - è quello di mettere in coordinamento tutti i ministeri e la Regione Campania. Vengono adottate 25 misure di prevenzione, che definiscono modalità e tempi di intervento di ogni singoli settore. La novità reale è che ognuno, da oggi, conosce già quali saranno le proprie responsabilità ed i tempi nei quali intervenire".

Importante anche il ruolo affidato ai prefetti che “potranno decidere dove inviare l’esercito rispetto ai siti considerati a rischio più elevato. Il nostro obiettivo - spiega Costa - è quello di prevenire e tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini di questa zona, ma ci siamo attrezzati anche in caso di nuovi episodi come quelli delle ultime settimane”. Quello che è stato creato, ha concluso Costa, è “un laboratorio di salvaguardia ambientale che ha un’unica cabina di regia presso la presidenza del Consiglio dei Ministri per calibrare tutti gli interventi in caso di necessità".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, la piccola Aurora 'sfida' i ministri: "Non è giusto morire a 12 anni"

Today è in caricamento