rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Politica Italia

Il governo risponde ai terremotati: "Casette idonee" ma l'M5s ribatte: "Fuori dalla realtà"

"Sulle casette il governo minimizza e fa scaricabarile, la risposta del ministro Finocchiaro è semplicemente ridicola"

"In merito alla presunta inadeguatezza delle strutture abitative d'emergenza - SAE - per le località di montagna, rilevo che tali abitazioni sono state progettate in modo da risultare idonee a tutte le zone climatiche italiane". Lo afferma il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro, rispondendo a una interrogazione durante il question time nell'Aula della Camera, sulla base degli elementi forniti dal Dipartimento della Protezione civile. "In particolare l'inclinazione delle falde del tetto è stata calcolata dai progettisti delle tre imprese realizzatrici secondo quando previsto dalla normativa vigente e dal capitolato tecnico allegato al bando di gara".

"Per quanto riguarda la segnalazione dell'esplosione dei boiler posizionati sui tetti, in relazione alla quale risulta che, in realtà, si sarebbe trattato di una rottura delle tubazioni di collegamento dal boiler all'impianto interno di casa, e in relazione ai casi limitati di infiltrazione di acqua dal soffitto, faccio presente che si sta celermente provvedendo ad integrare la coibentazione su tutte le strutture abitative d'emergenza realizzate e all'eliminazione definitiva delle eventuali difettosità al fine di garantire ai cittadini alloggiati nelle suddette strutture adeguate condizioni di vivibilità anche durante il rigido periodo invernale".

La risposta non placa le polemiche. Mentre il Coordinamento dei comitati terremoto Centro Italia diffonde il primo dossier sulle casette, di indegno scaricabarile e a una totale sottovalutazione dei problemi parla il deputato del Movimento 5 Stelle Patrizia Terzoni che commenta la risposta del governo al question time tenuto in Aula: "Vorremo capire quali sarebbero le condizioni climatiche di cui farneticano, perché appare evidente che non sono quelle che caratterizzano le zone di montagna dell'Appennino".

"A fronte di Sae nuove di zecca, infatti, si stanno registrando problemi in serie: pavimenti rigonfi, tetti danneggiati ai primi venti forti, infiltrazioni d'acqua e tubature ghiacciate. Anche rispetto all`inclinazione dei tetti delle Sae poi, che a tutti appare inadeguata rispetto alla portata delle nevicate che possono avvenire in queste aree, la risposta del governo è ridicola. Finocchiaro ha dichiarato che l'inclinazione delle falde del tetto è realizzata secondo quanto previsto dalla normativa vigente. Ci domandiamo: ma oltre alla burocrazia queste persone hanno idea di cosa sia il buonsenso e la vita reale? Dalla risposta che ci hanno dato, la risposta è evidentemente 'no'.

"Mentre questi signori continuano a nascondersi dietro alle parole e alla burocrazia - conclude la deputata pentastellata -, là fuori ci sono nostri concittadini che aspettano ancora la loro Sae o che l`hanno ottenuta ma si trovano a dover affrontare situazioni molto disagevoli".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il governo risponde ai terremotati: "Casette idonee" ma l'M5s ribatte: "Fuori dalla realtà"

Today è in caricamento