Martedì, 26 Gennaio 2021

Terrorismo, attenzione alta in Italia a Natale: i luoghi sotto controllo

Cosa è stato stabilito dopo la riunione del Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica. Salvini: "Occhi aperti, ma gli italiani non devono cambiare le proprie abitudini perché è quello che vogliono i terroristi"

Mezzi blindati dell'Esercito in piazza del Popolo, Roma, 29 marzo 2018. ANSA/GIUSEPPE LAMI

L'attenzione degli apparati di sicurezza italiani è alta dopo i fatti di Strasburgo. Ecco perché nei giorni che precedono e seguono il Natale saranno incrementati i servizi di vigilanza nelle stazioni ferroviarie e negli aeroporti. Sotto controllo anche luoghi sensibili come monumenti ed edifici di culto. E' quanto stabilito durante la riunione del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica (Cnosp) che si è tenuta questa mattina al Viminale alla presenza del ministro Matteo Salvini, del sottosegretario Nicola Molteni, dei vertici delle forze dell’ordine e dell’intelligence. All’ordine del giorno, come di consueto in questo periodo dell’anno, le misure di sicurezza per le festività natalizie.

"Gli italiani non devono cambiare le proprie abitudini, perché è quello che vogliono i terroristi", ha detto il vicepremier Matteo Salvini, intervenendo a 'Quarta Repubblica', in onda stasera su Rete4: "Abbiamo gli occhi aperti, un livello di attenzione assolutamente alto, dopo Strasburgo". "Più di 30mila uomini della polizia sui treni da qui al 6 gennaio", ricorda Salvini.

È morto anche Barto, l'amico di Antonio Megalizzi

comitato sicurezza ansa-3

Il Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica (Ansa)

In previsione del notevole flusso di veicoli previsto per le festività, inoltre, è stato stabilito l'impiego di 4.350 unità dedicate ai servizi di polizia stradale. Le attività pianificate prevedono oltre 1.400 pattuglie (anche con auto civetta). Grande attenzione ai controlli per il rispetto dei limiti di velocità. Saranno impiegati 800 etilometri in più per verificare il tasso alcolemico di chi si mette al volante.

Proprio oggi il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricordato la vittima italiana di Strasburgo, Antonio Megalizzi. "Non si può garantire sicurezza alle popolazioni se non se ne rispettano i diritti umani: per essere più sicuro il mondo ha bisogno di equità e di libertà", ha detto il capo dello Stato. "Talvolta - ha aggiunto parlando di Unione Europea - si odono critiche rivolte all'inefficacia delle regole dell'ordine multilaterale. Queste possono essere utilmente aggiornate o sostituite ma non rimosse: l'appartenenza alla comunità internazionale non può essere parziale o a intermittenza". "L'alternativa al multilateralismo, che vede nella composizione degli interessi e nel rispetto delle procedure la sua ragion d'essere, è soltanto l'unilateralismo, che si illude di poter vivere in splendido isolamento, nell'assenza di regole e nell'affermazione o nel tentativo di affermazione  di interessi esclusivi. Un mondo dominato dall'unilateralismo è un mondo senza amici e non può che condurre a diffidenze crescenti, a frizioni e a nuovi conflitti".

Nella foto sotto, polizia (e due novelli sposi) a San Pietro per prevenzione dopo i fatti di Strasburgo, Roma, 13 dicembre 2018. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

terrorismo roma controlli ansa-3

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrorismo, attenzione alta in Italia a Natale: i luoghi sotto controllo

Today è in caricamento