Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica

Il 'patto civico' sull'Umbria si vota su Rousseau: il Pd diventa "altre forze politiche"

Venerdì 20 settembre, dalle 10 alle 19, gli iscritti del Movimento 5 Stelle abilitati al voto sulla piattaforma Rousseau potranno esprimersi sull'alleanza M5s-Pd in vista delle Regionali in Umbria

Dopo la votazione che ha dato il via libera alla nascita del governo M5s-Pd, la piattaforma Rousseau torna protagonista, stavolta in vista delle prossime Elezioni Regionali in Umbria. Nella giornata di domani, venerdì 20 settembre, gli iscritti del Movimento 5 Stelle abilitati al voto su Rousseau, saranno chiamati ad esprimersi sulla proposta fatta dal Capo Politico su un 'patto civico per l'Umbria', ovvero sulla possibilità di sostenere alle elezioni regionali in Umbria un candidato Presidente civico con il sostegno di altre forze politiche.

Ma quali sono le altre forze politiche in ballo? Al di là dei tecnicismi lessicali, i vertici del Movimento hanno deciso di sottoporre all’elettorato l’alleanza con il Partito Democratico anche nelle elezioni locali. Nelle ultime ore sta facendo discutere proprio la forma in cui è composto il quesito: nonostante l'alleanza sul Pd sia l'opzione più percorribile (e chiacchierata), avallata anche da Zingaretti nei giorni scorsi, nella domanda si fa riferimento ad un vago "altre forze politiche", senza alcuna specificazione. Il contrario di quanto avvenuto per il quesito sulla formazione della nuova maggioranza: in quel caso il nome del Partito Democratico era stato inserito nel testo. 

Elezioni Regionali Umbria: il "patto civico" si vota su Rousseau

La notizia è stata ufficializzata sul Blog delle stelle: "Un patto civico che veda un candidato Presidente fuori dalle appartenenze partitiche e che possa mettere al centro un programma innovativo, di punti veri e realizzabili. Un programma che possa ispirare serietà, fiducia e competenza. Il quesito sarà: 'Sei d'accordo con la proposta avanzata dal capo politico del 'patto civico per l'Umbria', sostenendo alle elezioni regionali un candidato presidente civico, con il sostegno di altre forze politiche?'''.

Il Blog delle stelle precisa che "in caso di accoglimento di tale proposta" ossia del Patto civico, "dovrà essere individuato il candidato a cui attribuire le facoltà che il Codice Etico del Movimento 5 Stelle attribuisce solitamente al candidato presidente della regione".

"Pertanto, acquisito il parere favorevole del Comitato di Garanzia, l'ultimo paragrafo dell'art. 5 del regolamento per le regionarie dell'Umbria è modificato nel seguente modo: 'In conformità al voto degli iscritti del 25-26 luglio 2019 rimane comunque facoltà del capo politico proporre eventuali alleanze, sotto la sua diretta supervisione. In tal caso tale proposta di alleanza sarà sottoposta agli iscritti con una votazione online sulla piattaforma Rousseau a livello nazionale'".

"'Nel caso in cui la proposta sia accettata dagli iscritti e il candidato presidente non appartenga al Movimento 5 Stelle, non si procede alla votazione per il candidato presidente e tutte le facoltà che ai sensi del codice etico sono attribuite al candidato presidente, sono attribuite al candidato consigliere che ha ricevuto il maggior numero di voti dagli iscritti tra quelli che poi saranno effettivamente eletti consiglieri regionali'''.

Patto civico per l'Umbria: chi può votare su Rousseau e quando

La votazione sarà attiva su Rousseau nella giornata di domani, dalle ore 10:00 alle ore 19:00. Si precisa che potranno votare solo gli iscritti da almeno sei mesi, con documento certificato, come da Statuto. La regolarità della votazione sarà certificata da notaio, e i risultati saranno depositati presso due notai.

Patto civico in Umbria, M5s: "Avanti anche senza Pd"

In merito alla scelta del candidato governatore in Umbria, i 5 stelle hanno chiarito che esistono "due profili di alto livello che rappresentano al meglio la società civile. Sosterremo una delle due insieme a delle liste civiche anche se il Pd deciderà di non far parte del 'patto civico' per l'Umbria''. Due i nomi circolati nelle ultime ore, quello della sindaca di Assisi, Stefania Proietti, e della presidente di Terna, Catia Bastioli. Ma le quotazioni della prima, stando ai rumors che circolano nel Movimento, sarebbero in crescita: "E' il nome da sostenere - ha detto il deputato umbro Filippo Gallinella, che segue da vicino la 'partita' legata al suo territorio - con o senza Pd".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 'patto civico' sull'Umbria si vota su Rousseau: il Pd diventa "altre forze politiche"

Today è in caricamento