rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Politica

Veltroni torna tra i sindaci, i veltroniani votano Bersani

Venerdì l'ex sindaco di Roma sarà all'assemblea dell'Anci per discutere di città e territori. Un partecipazione che alimenta 'sussurri' che lo vorrebbero di nuovo in Campidoglio. Intanto 22 parlamentari a lui vicini stilano documento pro-Bersani

Venerdì 10 ottobre l'ex sindaco di Roma, Walter Veltroni, sarà a Bologna dove parteciperà ad una iniziativa nell`ambito delle XXIX Assemblea nazionale dell'Anci e, più tardi, presenterà il suo libro "L`isola e le rose".

Il dibattito è dedicato a "La crescita economica: Il ruolo delle città e dei territori. Generazioni di amministratori a confronto". Vi parteciperanno insieme a Walter Veltroni, Sergio Chiamparino e al presidente Anci Graziano Del Rio, i sindaci Nicola Chionetti (Dogliani), Gianluca Callipo (Pizzo Calabro), Silvia Pasinato (Cassola).

Significativa la presenza dell'ex sindaco che ha appena comunicato il suo addio dalle liste elettorali per il Parlamento. Significativa perché da più parti si inizia a 'sussurrare' che potrebbe alla fine essere proprio Veltroni a sfidare Gianni Alemanno per permettere al centrosinistra di riconquistare Roma. Ovviamente sono solo rumors e sensazioni. Ma il fatto che Roma non abbia ancora un candidato sindaco per il centrosinistra a pochi mesi dalle elezioni e che Veltroni, a pochi mesi dalle elezioni, si è chiamato fuori dalla corsa nazionale, non può che alimentare 'sussurri'.

E mentre in molti si chiedono cosa farà da grande l'ex sindaco, i suoi uomini in Parlamento hanno scritto un documento di sostegno al segretario Pierluigi Bersani nella corsa alle primarie: "Le prossime primarie" hanno scritto i ventidue parlamentari "possono e debbono rappresentare un'occasione per affermare il profilo che - dal Lingotto - era alla base della nascita del Pd. Un profilo coraggioso e innovatore, capace di sintetizzare, in un nuovo pensiero democratico, le culture riformiste del Paese. In gioco sarà la credibilità della proposta del Pd e del centrosinistra. Non solo per vincere le elezioni. Ma per andare al Governo. Non solo per andare al Governo, ma per governare. Nel senso dell'equità sociale, della crescita, del rigore, che sono state e sono le motivazioni alla base del sostegno del Pd al Governo Monti, che ha contribuito in maniera decisiva a ridare credibilità all'Italia nel mondo".

"E nel senso della battaglia per la legalità e per il rinnovamento reale della Politica, per una Politica che sia nei fatti davvero aperta alla società e sostenuta da una forte e coerente tensione ideale, etica e morale. Con queste posizioni abbiamo deciso di sostenere alle primarie la candidatura di Pierluigi Bersani, di cui abbiamo apprezzato i contenuti politici e programmatici della relazione alla recente assemblea azionale del Pd e che ha il profilo adeguato per guidare l'impegno del Pd per il governo e il cambiamento dell'Italia".

 Il documento è firmato da Marilena Adamo, Mauro Agostini, Stella Bianchi, Cinzia Capano, Renzo Carella, Marco Causi, Maria Coscia, Olga D'Antona, Luigi De Sena, Andrea Martella, Donella Mattesini, Giovanna Melandri, Marco Minniti, Roberto Morassut, Achille Passoni, Vinicio Peluffo, Caterina Pes, Raffaele Ranucci, Giancarlo Sangalli, Lido Scarpetti, Jean Leonard Touadi, Walter Verini.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Veltroni torna tra i sindaci, i veltroniani votano Bersani

Today è in caricamento