rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
L'intervento

Zelensky al Parlamento: "Genova come Mariupol". Draghi: "Aiuti militari all'Ucraina, difende tutti noi"

"Italia congeli beni dei russi e chiuda porti" chiede Zelensky che ha invitato papa Francesco a Kiev. Durissima la risposta di Draghi: "Di fronte ai massacri dobbiamo rispondere con gli aiuti, anche militari, alla resistenza"

"Tutti desiderano la pace e tutti vogliano difendere il proprio popolo. Sono già 117 i bambini morti, ogni giorno quel numero aumenta. Le nostre città vengono distrutte, alcune completamente. Ogni giorno cadono bombe e suonano sirene". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky intervenendo al Parlamento italiano. "Una settimana fa ho parlato ad un incontro a Firenze, ho chiesto a tutti gli italiani di portare il numero 79, che era il numero di bambini uccisi, ora sono ora 117, a causa del procrastinarsi della guerra. Con la pressione russa ci sono migliaia di feriti, centinaia di migliaia di vite distrutte, di case abbandonate, i morti nelle fosse comuni e nei parchi".

"L'invasione russa sta distruggendo le famiglie, la guerra continua a devastare citta ucraine, alcune sono completamente distrutte come Mariupol, che aveva mezzo milione di abitanti, è come Genova, immaginate Genova completamente bruciata. A Mariupol non c'è più niente, solo rovine. Immaginate la vostra Genova completamente bruciata, dove gli spari non smettono neppure un minuto; immaginate da Genova la fuga di persone che scappano in pullman per stare al sicuro".

Zelensky ha ringraziato l'Italia per l'aiuto dato ai profughi: "Grazie per aiuto a nostri bambini". Il presidente ucraino inoltre ha invitato il Papa in Ucraina.

Zelensky chiede nuove sanzioni

"Gli ucraini sono stati vicini a voi durante la pandemia, noi abbiamo inviato medici e gli italiani ci hanno aiutati durante l'alluvione. Noi apprezziamo moltissimo ma l'invasione dura da 27 giorni, quasi un mese: abbiamo bisogno di altre sanzioni, altre pressioni". 

"Funzionari e oligarchi russi utilizzano l'Italia come luogo per le loro vacanze, non dovete accogliere queste persone. Dovete congelare immobili e conti, sequestrare gli yacht e congelare gli asset di chi in Russia ha potere di decisione". "Dovete sostenere le sanzioni e l'embargo contro le navi russe nei vostri porti", ha continuato, "non dovete permettere assolutamente eccezioni alle sanzioni per nessuna banca russa" ha concluso Zelensky.

Zelensky alla Camera, la fronda dei parlamentari contrari: "Invitiamo anche Putin"

Standing ovation nell'aula di Montecitorio al termine del discorso del presidente ucraino Zelensky. L'applauso dei deputati e dei senatori è durato alcuni minuti, tutti in piedi per manifestare solidarietà al leader dell'Ucraina.

Draghi: "Ucraina difende la nostra sicurezza"

Il premier italiano Mario Draghi ha preso parola dopo l'intervento di Zelensky parlando dell'esercito russo come aggressore: "L'arroganza del governo russo si è scontrata con la dignità del popolo ucraino che frena le mire espansionistiche di Mosca".

"Oggi l'Ucraina non difende soltanto se stessa - dice Draghi - difende la nostra pace, la nostra libertà, la nostra sicurezza. Difende quell'ordine multilaterale basato sulle regole e sui diritti che abbiamo con tanta fatica costruito dal dopoguerra in poi. L'Italia vi è profondamente grata. La resistenza di tutti i luoghi in cui si abbatte la ferocia del presidente Putin è eroica" ha detto Draghi.

"La solidarietà mostrata dagli italiani verso il popolo ucraino è enorme. Penso agli aiuti di ogni genere inviati da subito, all'accoglienza di oltre 60mila rifugiati. Gli italiani hanno spalancato le porte delle proprie case e scuole ai profughi ucraini, con quel senso dell'accoglienza che è proprio del nostro Paese. Continueremo a farlo, perché davanti all'inciviltà l'Italia non intende girarsi dall'altra parte".

"Di fronte ai massacri dobbiamo rispondere con gli aiuti, anche militari, alla resistenza" ha detto Draghi.

Draghi "L'Italia vuole l'Ucraina nella Ue"

Il presidente del consiglio italiano Mario Draghi ricordando l'impengo nel congelare beni per 800 milioni di euro agli oligarchi russi, ha detto "L'Ucraina ha il diritto di essere libera" e ha inoltre spiegato che il nostro paese sosterrà l'ingresso dell'Ucraina nell'Unione Europea.

"Vogliamo disegnare un percorso di maggiore vicinanza dell'Ucraina all'Europa. Il processo di ingresso nell'Ue è lungo, fatto di riforme necessarie per garantire una integrazione fuinzionante e l'Italia è al fianco dell'Ucraina in questo processo. L'Italia vuole l'Ucraina nell'Ue".

"Il governo e il Parlamento sono in prima fila nel sostegno all'Ucraina", ha ricordato Draghi. "Sin da subito abbiamo approvato aiuti finanziari e umanitari e abbiamo risposto con i partner europei alle richieste del governo ucraino di assistenza per difendersi dall'invasione russa. Siamo pronti a fare ancora di più".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zelensky al Parlamento: "Genova come Mariupol". Draghi: "Aiuti militari all'Ucraina, difende tutti noi"

Today è in caricamento