rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021

Scie chimiche, che passione! A Modena il 21 dicembre c'è la mobilitazione nazionale

La leggenda metropolitana ha ancora fascino, a quanto pare, al punto che il prossimo 21 dicembre a Modena ci sarà una vera mobilitazione

Complottisti di tutto il mondo (o almeno di tutta Italia) unitevi! Le scie chimiche, nonostante tutte le evidenze scientifiche, continuano ad avere un agguerrito esercito di fan.

La teoria a proposito delle "misteriose" tracce che ogni tanto comparirebbe nel cielo è arcinota: aerei cisterna privi di riconoscimento rilascerebbero nell'aria fumi composti da metalli pesanti, alluminio, bario e polimeri sintetici, il tutto per modificare il clima e condizionare la popolazione.

E' una bufala che fa il giro del web da decenni, infatti i segni bianchi nel cielo altro non sono che i gas di scarico condensati emessi dagli aerei. La leggenda metropolitana però ha ancora fascino, a quanto pare, al punto che il prossimo 21 dicembre a Modena ci sarà una vera mobilitazione.

E' una vera e propria mobilitazione quella indetta a Modena per il 21 dicembre prossimo dalle sigle "Riprendiamoci il Pianeta – Resistenza Umana", "Bene Comune", "Movimento Valori e Rinnovamento" e la "Draco edizioni" specializzata in libri sull'esoterismo, lo yoga e la chiaroveggenza. Un corteo e un flashmob per dire no alla diffusione delle "temibili" scie chimiche. Con tanto di volantino di presentazione della protesta: "Chi sta spruzzando, che cosa, e perché nei nostri cieli? La Nato e gli Usa devono dirci che cosa stanno facendo a nostra insaputa sulle nostre teste giocando con la nostra salute – aggiunge il manifesto -. Ogni persona di buon senso può osservare il fenomeno delle scie chimiche che vela sempre di più il nostro cielo che una volta era azzurro".

Scrive Modena Today:

“Da diversi anni ormai, anche l’Italia, come molti altri paesi del mondo, è interessata da sempre più pesanti irrorazioni chimiche – si legge nel volantino che introduce la mobilitazione di dicembre – eseguite da aerei cisterna, privi di riconoscimento, che rilasciano nei nostri cieli scie più o meno consistenti. Queste scie sono composte da diversi materiali, fra i quali metalli pesanti come bario e alluminio, e polimeri sintetici, che spesso si presentano come lunghi e appiccicosi filamenti che fluttuano nel cielo, e che sempre più di frequente vengono segnalati in ogni parte del paese. Anche nanotecnologie di varia natura sono associate a questi aerosol clandestini, oltre all’irraggiamento di frequenze elettromagnetiche emesse dalle stazioni di Haarp, sigla che nasconde un progetto americano di modificazione climatica, presenti ormai in tutto il mondo”.

L'appello dei manifestanti si conclude così: “Vogliamo delle risposte, e le vogliamo subito! Ci stanno togliendo la naturalezza e la bellezza di ogni cosa, ora ci stanno togliendo anche l’aria che respiriamo"

Fonte: ModenaToday →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scie chimiche, che passione! A Modena il 21 dicembre c'è la mobilitazione nazionale

Today è in caricamento