rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021

"Se è femmina non la vogliamo": l'aborto selettivo esiste anche in Europa

Gianluca Nicoletti sula Stampa scrive che "mettere al mondo una figlia femmina anche in Europa può essere considerata una circostanza da evitare"

Si pensava che il drammatico fenomeno fosse confinato a paesi lontani, e che comunque il trend fosse in calo.

Invece, come scrive sulla Stampa il giornalista e conduttore radiofonico Gianluca Nicoletti, "mettere al mondo una figlia femmina anche in Europa può essere considerata una circostanza da evitare". L'aborto selettivo non è un ricordo, ma una triste realtà.

Non fare nascere bambine è un fenomeno slegato dalle esigenze pratiche o dalle difficoltà economiche: la questione è soprattutto culturale.

In base ai dati dell’Istituto nazionale francese per studi demografici (Ined), è in crescita la discriminazione sessuale pre natale tra le persone di origine indiana immigrate in Inghilterra e in Norvegia.Nel nostro paese succederebe lo stesso nella comunità cinese e tra gli immigrati albanesi, secondo lo studio.

Scrive Nicoletti:

Secondo l' Ined l’aborto selettivo delle femmine non è una pratica comune solo all’Asia, osservando i paesi d’origine di molti flussi immigratori si può osservare come  nei tre paesi del Caucaso (Azerbaijan, Armenia, Georgia), lo squilibrio statistico di nascite maschili rispetto a quelle femminili è aumentato nel 1990, dove arriva a superare anche le stime correnti di tutti i valori dell'India.

Anche in Albania, Kosovo, Montenegro e Macedonia occidentale secondo i demografi l'aborto selettivo resiste ancora.

Geraldine Duthé, che ha condotto lo studio, spiega che la mascolinizzazione selettiva persiste anche nelle comunità di immigrati provenienti dai paesi dove è praticata, nonostante questi siano integrati in un ambiente sociale in cui il concetto della discriminazione pre-natale è praticamente inesistente. 

Fonte: La Stampa →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Se è femmina non la vogliamo": l'aborto selettivo esiste anche in Europa

Today è in caricamento