Sabato, 31 Luglio 2021
Il fatto

"Testa di c... stai lontano". Aboubakar Soumahoro denuncia un'aggressione razzista subita in metro

Il sindacalista che lotta per i diritti dei braccianti: "Ho dato mandato all'avvocato di procedere contro il sessantenne che mi ha aggredito verbalmente"

Aboubakar Soumahoro, ANSA

Il sindacalista Aboubakar Soumahoro, leader della Lega Braccianti e massimo esponente della battaglia per i diritti dei lavoratori stagionali, ha denunciato pubblicamente e alla polizia, un'aggressione subita all'interno della metropolitana A di Roma. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine, che hanno dentificato l'aggressore e raccolto la deposizione. "Ho dato mandato all'avvocato Alessandra Ballerini di procedere contro il sessantenne che mi ha aggredito verbalmente, urlando tra le altre cose, 'Testa di cazzo, stai lontano'", il racconto su Twitter dell'attivista che è molto conosciuto anche per le sue apparizioni in tv a 'Propaganda Live'. "Contro ogni razzismo", la chiusura del post. 

Non è la prima aggressione verbale che Soumahoro, 41 anni, che per l'Usb, unione sindacale di base, si è occupato soprattutto dei diritti dei braccianti, della lotta al caporalato e dello sfruttamento nei campi, denuncia di aver subito a Roma. Un'altra simile l'aveva già denunciata lo scorso gennaio. "Senti animale fai presto che qui abbiamo da fare", è la frase che si era sentito rivolgere da un signore. Prima ancora, due anni fa, fu un tassista romano ad aggredirlo verbalmente per poi, stando a quanto raccontato dallo stesso Aboubakar Soumahoro, accettare le scuse dell'uomo.

Fonte: RomaToday →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Testa di c... stai lontano". Aboubakar Soumahoro denuncia un'aggressione razzista subita in metro

Today è in caricamento