Giovedì, 29 Luglio 2021

“Non usate quell'acqua per lavare denti e viso”: allarme all'ospedale

Il caso arriva dall'ospedale Perrino di Brindisi, dova da alcuni giorni esce dell'acqua giallastra dai rubinetti: la nota ufficiale dell'Asl

Acqua sporca all'ospedale Perrino di Brindisi

Nella provincia di Brindisi sta diventando un vero e proprio caso l'acqua 'giallastra' che esce da alcuni rubinetti dell’ospedale Perrino. Una vicenda ancora poco chiara, soprattutto sull'utilizzo che se ne può fare. L'azienda sanitaria brindisina aveva rassicurato gli utenti sull’assenza di rischi sanitari nell’utilizzo dell’acqua “per igiene personale”, ma una nota dell’Asl diramata nei reparti ospedalieri sembra dire tutto il contrario. 

Come riporta BrindisiReport, nella nota viene consigliato di utilizzare acqua imbottigliata per “la pulizia ed il lavaggio dei denti e del cavo orale” e di non lavare il viso dei pazienti evitando anche l’inalazione e l’ingestione. Ma l’igiene personale non è forse l’igiene dei denti, delle mani, degli organi genitali e dell’ambiente in cui si vive?

“Il sopralluogo è stato effettuato dal Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (Sian) della Asl Br, alla presenza dei Nas, con il prelievo di campioni. L’acqua, analizzata dai tecnici dell’Arpa Puglia, risulta microbiologicamente e chimicamente nella norma, tranne nel parametro colore. Rassicuriamo quindi i cittadini affermando che non sussistono rischi sanitari nell’utilizzo dell’acqua per igiene personale”, scrive l’Asl nella nota inviata agli organi di informazione per essere diffusa. E poi ancora "il Direttore del Servizio di Igiene e sanità pubblica (Sisp) suggerisce di far scorrere l’acqua dei rubinetti per qualche minuto prima del suo utilizzo, ad uso esclusivo di igiene personale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un po’ diversa e più dettagliata, invece, è la nota diramata ai direttori: generale, sanitario e amministrativo, ai coordinatori infermieristici, al titolare del bar dell’ospedale, alla ditta Gemeaz Cousin.

asl su acqua-2-2

“Con nota n.6302 della data odierna, il direttore Sisp ha comunicato che a seguito delle risultanze delle analisi  chimico-microbiologiche sui campioni di acqua prelevati su disposizione dei Nas di taranto presso questo P.O. consiglia di non utilizzare l’acqua di distribuzione della rete idrica del P.P. Perrino di Brindisi ad uso alimentare. L’acqua calda, può essere utilizzata, previo flussaggio per almeno 5 minuti, per la pulizia e l’igiene personale dei pazienti con esclusione del viso, purchè vengano adottati accorgimenti atti ad evitarne l’inalazione e/o l’ingestione, anche da parte degli operatori. Per la pulizia ed il lavaggio dei denti e del cavo orale bisognerebbe utilizzare acqua imbottigliata. Nell’immediatezza saranno effettuati ulteriori controlli dele cui risultanze sarà data comunicazione alle Ssll per eventuali ulteriori provvedimenti”.

Fonte: BrindisiReport →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Non usate quell'acqua per lavare denti e viso”: allarme all'ospedale

Today è in caricamento