rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024

"Io non muoio per Donald Trump": 007 sospesa

O'Grady si era espressa a favore della Clinton: la storia raccontata dal Washington Examiner

"Preferisco il carcere piuttosto che prendere una pallottola per lui": è la frase incriminata della 46enne Kerry O'Grady, il nome di un'agente dei servizi segreti Usa che appare sui social media così come riporta il Washington Examiner. Il post apparso su Facebook, che allude a Donald Trump, risale all'ottobre scorso.

O'Grady è stata sospesa dal suo incarico e i servizi segreti hanno avviato un'inchiesta. L'agente segreto si era anche espressa, in passato, a favore della Clinton. Ora continuerà a ricevere lo stipendio finché l'inchiesta non sarà chiusa.

L'agente, che aveva espresso chiaramente le sue preferenze per la candidata democratica Hillary Clinton, scriveva che "questo mondo è cambiato" e che Trump, anche se mai menzionato apertamente, potesse essere "un disastro per questo Paese".


 

Fonte: Washington Examiner →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Io non muoio per Donald Trump": 007 sospesa

Today è in caricamento