Mercoledì, 14 Aprile 2021

Alessandro, il bimbo che ha battuto il cancro: ora nuota con un braccio solo

Alessandro ha otto anni, vive in provincia di Brescia e come molti bambini della sua età pratica il nuoto come attività sportiva. Eppure quello che fa non è affatto banale

Un brutto male alle ossa lo ha lasciato senza il braccio destro, ma non gli ha tolto la voglia di vivere e di praticare sport. Alessandro Vielmi, otto anni, è un bambino speciale. Un "pesciolino speciale", come scrive il Corriere della Sera che racconta la sua storia.

Quando il piccolo aveva solo quattro anni, i genitori, Emanuele e Marina Vielmi, notarono un gonfiore sospetto all'altezza della spalla destra: quello che loro credevano un semplice ematoma, in realtà, era un cancro alle ossa, come diagnosticato da una radiografia. Per fortuna della famiglia Vielmi, il reparto di oncologia pediatrica del vicino ospedale di Brescia, guidato dal primario Vincenzo Ippolito, è una delle eccellenze sanitarie italiane e Alessandro iniziò le prime cure, ma a un prezzo carissimo: l'osteosarcoma poteva essere sconfitto, ma per far sopravvivere il bambino si rese necessaria l'amputazione del braccio destro, fino alla spalla.

Alessandro è riuscito a vincere sul male che lo aveva colpito. Oggi il bambino è guarito, ha otto anni e nonostante il suo handicap pratica un'attività sportiva completa come tutti i suoi coetanei, grazie all'istruttore che ha studiato per lui una preparazione specifica. 

Fonte: Corriere.it →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alessandro, il bimbo che ha battuto il cancro: ora nuota con un braccio solo

Today è in caricamento