Domenica, 20 Giugno 2021
Lo studio / Polonia

I bambini che crescono con una dieta vegana restano più bassi della media (e non solo)

Quali sono gli effetti di un'alimentazione vegana e vegetariana sui bambini: uno studio condotto in Polonia mette in evidenza sia gli aspetti negativi che quelli positivi

Uno studio destinato certamente a far discutere: è quello redatto dalla Great Ormond Street Institute of Child Health dell'University College di Londra che ha preso in esame l’alimentazione dei bambini tra i cinque e i 10 anni residenti in Polonia. In totale sono stati tenuti sotto osservazione 187 bambini di cui 52 vegani, 63 vegetariani e 72 onnivori. Sono stati analizzati dati sulla crescita, la composizione corporea, tenuto conto del rischio cardiovascolare e ogni dato è stato confrontato al gruppo di bambini che seguivano una dieta che prevedeva anche il consumo della carne. Per chi non consumava carne, la durata media della dieta è andata dai cinque anni e tre mesi per i vegani, cinque anni e nove mesi per i vegetariani.

I risultati dello studio 

Lo studio, pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition, ha anche scoperto che eliminando completamente carne e latticini dalla propria alimentazione, i bambini vegani dovrebbero integrare la dieta con vitamina B12 e vitamina D. Si tratta di integratori che potrebbero ridurre con il passare del tempo delle conseguenze sulla salute legate al tipo di alimentazione adottato. Non solo. Secondo questo studio i bambini vegani sono in media tre centimetri più bassi degli altri, hanno ossa più deboli e possono risultare più inclini all'osteoporosi una volta raggiunta un’età più avanzata. Ultimamente il dibattito sull’alimentazione è sempre più acceso, sono in tanti – per scelte etiche ma anche legate alla salvaguardia dell’ambiente – ad escludere la carne dalla propria dieta.

I pro e i contro 

Una decisione che finisce per influenzare anche i figli. Il risultato è che oggi il numero di bambini che segue un’alimentazione vegetariana o vegana è in costante crescita. Da qui la necessità di uno studio su quelle che possono essere le conseguenze a breve – medio termine. Se sono state evidenziate le ripercussioni negative che questa dieta può avere, non significa che ci siano solo aspetti contrari dall’abbracciare un’alimentazione senza carne. I bambini vegani sono risultati avere livelli inferiori del 25% di colesterolo LDL, il cosiddetto colesterolo "cattivo".

La co-autrice dello studio, la dottoressa Ma?gorzata Desmond, ha scritto che i bambini vegani tendevano anche ad avere una migliore salute cardiovascolare e avevano una percentuale di grasso corporeo inferiore. Di contro i bambini vegetariani hanno una salute cardiovascolare peggiore rispetto ai bambini vegani, una situazione probabilmente collegata al consumo di cibi più elaborati e zuccherati rispetto ai bambini vegani. Lo scopo dello studio non è quello di terrorizzare rispetto alla scelta di un’alimentazione rispetto ad un’altra, quanto quello di fornire indicazioni utili ai genitori sulle esigenze nutrizionali dei bambini.

Fonte: UNILAD →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I bambini che crescono con una dieta vegana restano più bassi della media (e non solo)

Today è in caricamento