Sabato, 25 Settembre 2021

Favelas demolite per i mondiali di calcio: in Brasile scoppia l'emergenza amianto

Come racconta Stefano Bertolino sul sito del Fatto Quotidiano, per far spazio alle nuove infrastrutture legate ai Mondiali di calcio nelle grandi città brasiliane, sono state recentemente sgomberate e distrutte centinaia di abitazioni delle favelas

Se ne è parlato poco fino a oggi, ma nei prossimi mesi il Brasile dovrà affrontare anche una inattesa emergenza amianto.

Infatti, come racconta Stefano Bertolino sul sito del Fatto Quotidiano, per far spazio alle nuove infrastrutture legate ai Mondiali di calcio nelle grandi città brasiliane, sono state recentemente sgomberate e distrutte centinaia di abitazioni delle favelas situate nei pressi degli impianti sportivi, come Mangueira, uno storico sobborgo popolare che si trova a poche centinaia di metri dallo stadio Maracanà, dove si giocherà la finale dei campionati mondiali.

Le conseguenze sono che sia le vasche per l’acqua sia i tetti delle baracche sono costruiti in amianto, pericolosissimo minerale le cui polveri sono la principale causa di mesotelioma pleurico.

A differenza dell’Italia, l’asbesto in Brasile è legale e per la sua rimozione non sono previste particolari procedure di sicurezza.

Così, nell'indifferenza generale, l’area dello stadio e la confinante zona universitaria sono avvelenate dalle polveri che tutti gli studi hanno ormai dimostrato essere cancerogene.

Fonte: Il Fatto Quotidiano →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Favelas demolite per i mondiali di calcio: in Brasile scoppia l'emergenza amianto

Today è in caricamento