Giovedì, 26 Novembre 2020

Andrea Crisanti: "Se i contagi salgono rischiamo di perdere il controllo"

Il professore ordinario di microbiologia a Padova: "Se la trasmissione aumenta non la controlleremo più. Il pericolo maggiore viene dalle scuole"

Il professor Andrea Crisanti, ordinario di Microbiologia a Padova, in un'intervista rilasciata oggi al Fatto Quotidiano lancia l'allarme dopo l'aumento dei contagi da coronavirus Sars-CoV-2 degli ultimi giorni: "Spero continui così per settimane, a questi livelli la nostra capacità diagnostica è adeguata. Se però la trasmissione aumenta rischiamo di non controllarla più”. 

Crisanti dice che c'è una spiegazione per l'aumento dei contagi al Sud: "Il virus sfrutta i contatti tra le persone e stiamo parlando di Regioni estremamente popolose, non mi sorprende. Qui nel Nord in Veneto, in Lombardia, in Emilia-Romagna, il virus ha lasciato tracce emotive profonde, la popolazione ha oggi un’attenzione molto maggiore". Ma il pericolo maggiore viene dalle scuole: "Con 8 milioni di ragazzi a scuola c’era da aspettarselo, 900 scuole saranno 2-3 mila casi. Era prevedibile che il tracciamento andasse in sofferenza, infatti avevo proposto un piano per aumentare la capacità diagnostica, per arrivare a fare 3-400 mila tamponi al giorno (ora siamo appena sopra i 100 mila e non tutti i giorni, ndr) con un maggior numero di laboratori. E l’avevo detto già un mese fa". Poi torna sulla questione dei test: "I test rapidi sono importanti, ma da soli non ci consentono di bloccare la trasmissione. Non hanno la sensibilità giusta. Possono identificare se in una comunità c’è trasmissione di virus, non di più. Se in una comunità di 1.000 persone ce ne sono 30 infette, col test rapido ne individuo 24 e li isolo; gli altri sei probabilmente contageranno altri. L’efficacia dei test rapidi dipende dagli obiettivi che si hanno. Per lo screening vanno bene, per il tracciamento no. Perché nei contatti dei positivi troviamo spesso piccole quantità di virus che il test rapido non vede". Infine, la previsione: 

Professore, cosa si aspetta?
Spero che continuiamo su questi livelli per diverse settimane, significa che controlliamo il virus. La capacità diagnostica è adeguata alla trasmissione di oggi.

E se aumenta?
Se aumenta avremo problemi, rischiamo di non controllarla più.

Ora si rischia un rapido peggioramento dell'epidemia

Fonte: Il Fatto Quotidiano →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Andrea Crisanti: "Se i contagi salgono rischiamo di perdere il controllo"

Today è in caricamento