Martedì, 13 Aprile 2021

Si butta nel fiume per salvare la figlia di 10 anni: trovato morto

L'uomo si era lanciato nell'Adda per soccorrere la piccola, ma è stato travolto dalla corrente. Nella mattinata di domenica i sommozzatori hanno ritrovato il corpo

Foto di repertorio

Fine delle speranze: il corpo senza vita di Angelo Belluscio, l'uomo di 47 anni che sabato 20 giugno si era lanciato nell'Adda per salvare la figlia di 10 anni, è stato ritrovato questa mattina dai vigili del fuoco di Monza e dai sommozzatori, impegnati fin da subito nelle ricerche. L'uomo, che gestiva un bar a Calusco d'Adda, è stato risucchiato e travolto dalla corrente del fiume.

Come riporta MilanoToday, la piccola è salva grazie alla prontezza di un pescatore romeno della zona, che ha visto padre e figlia in acqua e si è tuffato a sua volta, riuscendo a trarre in salvo la bambina ma purtroppo non il padre.

Secondo le prime ricostruzioni, l'uomo e sua figlia si trovavano su un isolotto nei pressi della centrale elettrica, a Cornate d'Adda, quando la bimba è caduta in acqua. Il papà, tuffatosi per salvarla, si è trovato in difficoltà. Il pescatore ha cercato a sua volta di salvare entrambi, ma dopo aver portato a riva la figlia non è riuscito a strappare il padre dalla corrente dell'Adda.

Fonte: MilanoToday →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si butta nel fiume per salvare la figlia di 10 anni: trovato morto

Today è in caricamento