rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024

"Antenne wifi umane": negli Usa è polemica sugli "Homeless Hotspots"

Un provider americano utilizza dei senzatetto come antenne wifi: sul web esplode la polemica

Si chiamano "Homeless Hotspots", e non sono altro che delle vere e proprie "antenne wifi umane". Avviene negli Stati Uniti, per la precisione al festival musicale South By Southwest di Austin, Texas, nel corso del quale un provider americano ha pensato bene di installare dei ripetitori wifi su tredici senzatetto. Ovviamente le "antenne umane" sono volontarie e ricevono un salario (non troppo elevato a dire il vero: 20 dollari al giorno) più donazioni da parte di chi si connette tramite loro, ma l'iniziativa, a metà strada tra il commerciale e il pubblicitario, ha scatenato una ridda di polemiche anche aspre.


"Abbiamo perso la nostra umanità?", si chiede la blogger del "Washington Post" Susan Brooks. "Sfruttamento o innovazione?" titola un articolo online della National Public Radio. Ma è tutto il web americano che è invaso di post, commenti e testimonianze di questa controversa iniziativa.

Fonte: New York Times →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Antenne wifi umane": negli Usa è polemica sugli "Homeless Hotspots"

Today è in caricamento