Sabato, 18 Settembre 2021

Sempre più italiani si iscrivono ai poligoni di tiro: "Stato e polizia sono assenti"

Il segretario del Poligono di Tiro sembra avere le idee chiare: "Qui lo Stato non c’è - dice - chiamare i carabinieri è inutile, quando arrivano è già troppo tardi. In città girano quattro pantere, ma le pare"

Il Fatto Quotidiano racconta di un fenomeno in crescita, che definire preoccupante è riduttivo.

A Treviso è boom di iscritti al poligono di tro. "Lo Stato è assente, inutile chiamare la polizia". Ci vanno tipologie sociali molto diverse tra loro, dal pensionato al disoccupato, dall’architetto al funzionario della Regione, il pescatore, il geologo, il chimico. E le donne sono in netto aumento. Tutti si prenotano per per imparare a sparare, ottenere la licenza e comprare un arma.

Il segretario del Poligono di Tiro sembra avere le idee chiare: "Qui lo Stato non c’è - dice - chiamare i carabinieri è inutile, quando arrivano è già troppo tardi. In città girano quattro pantere, ma le pare". Così al Poligono di via Fonderi le iscrizioni sono aumentate del 30 per cento in pochi mesi.

Le donne sono ogni giorno di più: "Una categoria in aumento esponenziale – spiega Lucio Zorzo presidente di uno dei poligoni più antichi d’Italia – , negli ultimi mesi si sono iscritte ai nostri corsi molte casalinghe e addirittura qualche mamma. Dicono di voler proteggere i loro figli e sono molto determinate".

La spiegazione è sempre la stessa: sicurezza. Non solo commercianti, ma anche noti imprenditori veneti e politici. “Questi – spiega sempre Zorzo –vengono ma con discrezione”. Non farsi vedere, in fondo, è meglio.

Fonte: Il Fatto Quotidiano →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sempre più italiani si iscrivono ai poligoni di tiro: "Stato e polizia sono assenti"

Today è in caricamento