Il mistero dei cavalli mutilati in Francia: gli investigatori prevedono un aumento dei casi

Si teme anche che gli allevatori, per difendere i loro animali, possano armarsi e intervenire. Al momento gli investigatori non escludono nessuna pista, nemmeno quella del satanismo o dei riti macabri di qualche setta

Continua in Francia il mistero dei cavalli mutilati. Una storia agghiacciante che nel paese va avanti ormai, con una certa regolarità, dallo scorso febbraio e che gli investigatori vogliono risolvere al più presto, anche se al momento navigano nel buio. Il timore è che il fenomeno possa incrementare e che gli allevatori, per difendere i loro cavalli da questi macabri attacchi, possano armarsi e all'occorrenza "fare giustizia da sè". Gli animali vengono spesso ritrovati dai loro proprietari, con le orecchie o gli organi genitali mutilati o feriti, "con precisione chirurgica", da oggetti taglienti.

L'escalation

Da febbraio i casi di ferimento o uccisione di cavalli che si sono verificati - in particolare nella Francia del Nord - sono una cinquantina, di cui circa trenta solo nelle ultime settimane. Gli ultimi, dall'inizio di settembre, a Barenton in Normandia, nel dipartimento della Manica; a Ergué Gaberic in Bretagna; ad Arnac-la-Poste in Nuova Aquitania e a Carquieranne, in Provenza. Julien e sua moglie, che vivono nel dipartimento di Corrèze, dall'inizio di agosto hanno perduto il sonno. Da quando cioè, nel cuore della notte, hanno trovato la loro cavalla legata con alcuni cavi, in un grande stato di agitazione. Qualcuno probabilmente ha tentato di portarla via o peggio ancora, di farle del male. Da allora i due coniugi, ogni mezz'ora di notte si alzano per controllare i loro animali.

E' psicosi generale

E ormai, in generale in Francia, presso i proprietari e gli allevatori di cavalli, è scattata la psicosi. Il più piccolo dettaglio diventa infatti un sospetto: il passaggio di una vettura sconosciuta nella proprietà, una recinzione rovinata scambiata per una manomissione, un rumore improvviso. Ogni particolare può far scattare l'allarme. Al momento gli investigatori non escludono nessuna pista, nemmeno quella del satanismo o dei riti macabri di qualche setta. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una cosa sola è certa: la pluralità degli esecutori e la loro dimestichezza con i cavalli. Si sospetta che ad agire sia una banda criminale organizzata che conosce bene gli equini. Per ferire a morte un animale grande e forte come un cavallo, è necessario infatti saperlo immobilizzare ad hoc. I vari comitati equestri sul territorio nazionale francese consigliano ai proprietari, per prevenire qualunque episodio criminale, di non lasciarli fuori durante la notte e di controllarli regolarmente, anche una volta ritirati nelle stalle. 
 

Fonte: L'Express →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento