Venerdì, 16 Aprile 2021
La decisione che fa discutere / Stati Uniti d'America

Bambino autistico cacciato dall'aereo perché non può portare la mascherina

La politica dell'azienda ha scatenato uno scontro fra il personale di volo e i genitori che parlano di vera discriminazione. A rimetterci è un bambino, la cui unica colpa è quella di avere una malattia che non gli consente di proteggersi dal Coronavirus come fanno tutti

Bambino autoistico - FOTO ANSA

Bambino di 4 anni cacciato dall’aereo dopo una lite tra i genitori e il personale aereo che voleva obbligare il piccolo a indossare la mascherina anti-Covid. Infatti secondo la compagnia aerea Spirit Airlines, gli unici esentati dall’indossare il dispositivo di protezione sono i bambini dai 2 anni in giù. Tutti gli altri hanno l’obbligo insindacabile. Ad ammetterlo la stessa compagnia di volo, che spiega come “La nostra politica esistente non prevede esenzioni mediche, indipendentemente dalla diagnosi. I membri del nostro team lo hanno spiegato a una famiglia in viaggio oggi, ma non hanno mai messo in dubbio lo stato medico di nessuno ". In effetti non ci possono essere dubbi sul fatto che un bambino autistico abbia un problema medico. E così nel volo interno agli Stati Uniti d’America è stato scontro tra il personale di volo e i genitori del piccolo che, seppure la compagnia aerea non lo prevedesse, avevano un certificato medico che spiegava come il piccolo non poteva indossare una mascherina. Troppo rischioso per il giovanissimo autistico che, con ogni probabilità, avrebbe cominciato a trattenere il respiro o a compiere gesti autolesionistici.

Fatto sta che alla fine la coppia, in volo dal Las Vegas all’Arkansas, ha dovuto rinunciare al volo e prenderne un altro con una seconda compagnia aerea che invece ha accettato le deroghe di carattere medico-sanitario. Un dispiacere enorme per la famiglia statunitense, che ha vissuto il fatto come una vera discriminazione. Dall’altro canto la Spirit Airlines, ha tenuto a precisare che la famiglia non è stata allontanata perché il bambino non voleva indossare la mascherina, bensì perché il padre, secondo loro, avrebbe cominciato ad inveire contro le hostess di bordo. La stessa compagnia che ha annunciato come, da questo marzo, prevederanno nella loro politica anche deroghe per chi ha problemi di salute.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambino autistico cacciato dall'aereo perché non può portare la mascherina

Today è in caricamento