Sabato, 8 Maggio 2021
La violenza / Regno Unito

Sedicenne lasciato morire in strada dai teppisti che l'avevano accoltellato

Il giovane Drekwon Patterson è stato ferito a morte da un gruppo di quattro giovani scappati a bordo di un'auto incendiata poco dopo. Nessun passante si è fermato ad aiutare il ferito e il suo corpo è stato lasciato in strada fino al mattino

Morire per strada a soli 16 anni senza che nessuno ti aiuti. È successo a Drekwon Patterson, vittima di una gang di giovanissimi che l'hanno accoltellato a morte a Brent nel nord-ovest di Londra. In quattro, a bordo di un Ford Mondeo nera lo hanno bloccato e poi accoltellato a turno lasciandolo per strada esanime. Erano le 23 e 30 lungo Preston Street quando la gang ha bloccato il 16enne che camminava da solo. Un vero e proprio assalto quello di cui sono stati protagonisti i quattro che hanno colpito più volte il giovanissimo. Quello che è successo poco dopo è stato se possibile ancora più straziante. Il giovane ha provato a chiedere aiuto ai passanti ma nessuno gli ha dato una mano.

Il corpo lasciato per strada per ore 

Nonostante abbia provato a farsi notare dalle auto che passavano lungo la strada, nessuno si è fermato e questo gli è risultato essere fatale. Il suo corpo è rimasto in strada fino alla mattina seguente quando è stato scoperto senza vita. Non è ancora chiaro quanto sia durata la sua agonia e dopo quanto tempo sia morto dissanguato. Ciò che è certo è che nonostante fossero passate delle ore dall'accoltellamento nessuno sia intervenuto. Solo l'autopsia potrà stabilire il momento del decesso. Ad aiutare nelle indagini potrebbero essere le immagini registrate dalle telecamere a circuito chiuso della zona. Un agghiacciante documento al vaglio degli investigatori che raccoglie le fasi dell'aggressione insieme a quelle della fuga dei delinquenti e le successive, inutili, richieste d'aiuto del ragazzino.

I video delle telecamere a circuito chiuso

Dai video si vedono i quattro a bordo dell'auto inchiodare davanti al 16enne scelto come vittima del loro atto criminale. A turno lo colpiscono con dei fendenti che sono poi risultati mortali. Completata “l'opera”, i quattro salgono a bordo dell'auto e scappano via. La vettura è stata ritrovata bruciata poco distante nei pressi di un parco. Le immagini proseguono con Drekwon che chiede aiuto implorando i passanti in auto di fermarsi ma nessuno lo fa. Se qualcuno lo avesse aiutato, portandolo in ospedale, forse adesso sarebbe ancora vivo. L'omicidio del 16enne rappresenta la conferma di una vera e propria emergenza criminalita? scoppiata a Londra. Nonostante le misure di contenimento dell'epidemia, l'omicidio del giovane è il 15esimo delitto che si è verificato in città dall'inizio del 2021.

Le indagini 

Scotland Yard ha cominciato la caccia agli assassini del 16enne. Per farlo ha deciso di diffondere le immagini captate dalle telecamere a circuito chiuso per ottenere delle notizie rispetto sia alla Ford Mondeo nera, poi bruciata nel Silver Jubilee Park, che su un furgone. Si tratta di un mezzo di colore bianco il cui autista si sarebbe fermato brevemente sulla scena del crimine prima di andare via. La polizia vorrebbe utilizzarlo come testimone dei fatti e capire cosa abbia visto del delitto. Per questo è stato lanciato un appello affinché si faccia avanti. Secondo gli agenti, la vittima gli avrebbe chiesto una mano ma lui, dopo una prima esitazione, sarebbe andato via.

Fonte: Daily Mail →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sedicenne lasciato morire in strada dai teppisti che l'avevano accoltellato

Today è in caricamento