Venerdì, 26 Febbraio 2021
La tragedia / Australia

L'uomo che ha investito la figlia nel vialetto di casa

La madre della piccola Georgina, di 15 mesi, era sul tosaerba con i tappi nelle orecchie e non si è accorta di nulla. La bambina è morta sul colpo

Era corsa all'esterno della casa appena si era accorta che il padre stava rientrando da lavoro. Nonostante fosse piccolissima, Georgina aveva capito che quella era l'auto del padre e si era lanciata a passi veloci fuori al vialetto per accogliere il genitore. Nessuno avrebbe mai immaginato che questa bella scena familiare si trasformasse in una tragedia senza senso. La piccola Georgina è stata investita dal padre Peter mentre faceva retromarcia per parcheggiare l'auto. L'uomo non si è accorto che nel piccolo viale antistante alla sua abitazione c'era la bambina che lo stava aspettando. Non l'ha vista negli specchietti retrovisori e l'ha colpita in pieno. La tragedia si è verificata in Australia nel New South Wales.

Il racconto della madre 

A raccontarla è stata la madre della piccola che era a casa con le sue quattro figlie in attesa del ritorno del marito. Intorno alle 16 e 30 la macchina dell'uomo ha fatto ritorno presso l'abitazione. La 44enne Emma Cockburn era insieme alle figlie: Charlotte, di cinque anni, Anna di tre, Elisabetta di due e Georgina di 15 mesi. Le bambine si sono accorte del ritorno del genitore e una in particolare, la piccola Georgina è uscita di casa. La donna era in quel momento sul tosaerba e aveva i tappi nelle orecchie così non si è accorta del fatto che la bambina era uscita di casa ed era andata incontro al padre. “Ero sul tosaerba con i tappi per le orecchie e all'improvviso vedo Peter correre freneticamente verso di me salutando e sapevo che qualcosa non andava. Mi sono alzata, ho tolto i tappi per le orecchie e l'ho sentito dire: 'Ho investito Georgie'. Era fuori di sé”.

L'incidente 

Momenti drammatici per la famiglia che solo dopo è riuscita a scoprire come la piccola era riuscita a uscire di casa. Quando è arrivato l'uomo, la bambina era in soggiorno con le sorelle più grandi. Si è però infilata nel garage e da lì è uscita nel vialetto. Quando ha visto l'auto del padre gli è corsa incontro andando verso un destino atroce. Entrambi hanno portato subito la bambina in ospedale ma si erano resi conto che la bimba era morta sul colpo. “Tutto quello che potevamo fare era trattenerla e parlarle” ha detto la madre distrutta.

L'appello 

“Pensavamo di aver fatto tutto bene, costruendo la nostra casa con un'area giochi recintata per i bambini sul lato opposto rispetto a qualsiasi veicolo. Eppure è successo a noi. Finché non sei nella situazione, non pensi che possa succedere a te. Sappiamo che non c'è niente che possa impedire che queste cose accadano perché la situazione di ognuno è diversa, ma è importante fare tutto il possibile per impedirlo. Guarda la tua proprietà e controlla come puoi impedire ai tuoi figli di uscire nel tuo garage o vialetto senza che tu sia presente e se c'è un veicolo in movimento ovunque sulla tua proprietà, assicurati di essere con i tuoi figli, tenendoli per mano”. Questo l'appello che la coppia ha voluto lanciare alle famiglie per far attenzione ai propri piccoli ed evitare tragedie simili.

Fonte: Mirror →

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'uomo che ha investito la figlia nel vialetto di casa

Today è in caricamento