rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Lockdown a scuola / Cina

L'insegnante ha il Covid, bimbi in "lockdown" costretti a passare la notte a scuola in attesa dei test

Il caso di una scuola elementare di Pechino. Ai genitori fuori dai cancelli, il preside ha detto che alcuni bambini erano stati mandati in strutture per la quarantena e ha chiesto per gli altri ancora in attesa dei risultati dei test di portare vestiti perché avrebbero trascorso la notte lì

Decine di bambini di una scuola elementare di Pechino sono stati messi in "lockdown" all'interno dell'istituto dopo che a uno degli insegnanti era stato diagnosticato Covid-19. I genitori si sono radunati fuori dai cancelli della scuola, aspettando con ansia di avere notizie dei propri figli, chiusi all'interno della Huajiadi Experimental School nel distretto di Chaoyang e sottoposti ai testi.

Dopo ore di attesa, intorno alla mezzanotte il preside è uscito per andare a parlare con loro e aggiornarli sulla situazione. Ai papà e alle mamme preoccupati è stato detto che alcuni bambini erano stati mandati in strutture per la quarantena, dove dovranno rimanere per 14 giorni, accompagnati da uno dei genitori. Per gli altri bambini ancora in attesa dei test, invece, il preside ha chiesto ai genitori di portare vestiti e altri accessori perché avrebbero dovuto passare la notte a scuola per poi essere "rilasciati" il giorno dopo una volta ricevuti i risultati dei controlli.

Il timore di nuovi contagi preoccupa Pechino

Le autorità locali hanno specificato che altre 16 scuole nello stesso distretto sono già state chiuse dopo che diversi membri dello staff di questi istituti sono risultati positivi. A Pechino da tempo sono state prese misure molto restrittive per cercare di contenere la diffusione della variante Delta del coronavirus dopo decine di casi segnalati in città. Ulteriori misure ancora più rigide potrebbero arrivare a breve. Nel frattempo sono già stati cancellati la metà dei voli di linea dall'aeroporto di Pechino e le autorità hanno esortato la popolazione a non lasciare la città o a ritardare il ritorno in caso di partenza. In altre città sono già lanciati test in massa e numerose persone sono finite in isolamento. Sui social network locali in molti sfogano la propria frustrazione per la decisione del governo di intervenire duramente su ogni singolo focolaio, mentre il resto del mondo inizia lentamente a rimettersi in moto e nel Paese la campagna vaccinale prosegue con più del 70% della popolazione è già stata vaccinata.

Fonte: The Guardian →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'insegnante ha il Covid, bimbi in "lockdown" costretti a passare la notte a scuola in attesa dei test

Today è in caricamento