Domenica, 25 Luglio 2021

Bambino muore dopo una caduta in piscina: donati gli organi

Il piccolo Filippo Murga Lara è deceduto nell'ospedale Salesi di Ancona

Foto di archivio

Filippo Murga Lara non ce l'ha fatta. Il bambino di ventidue mesi caduto una settimana fa sul telo di copertura della piscina di Casale di Nanni, a Penna San Giovanni (Macerata), su cui erano posati circa 15 centimetri di acqua piovana, è morto ieri sera all'ospedale Salesi di Ancona, dove era collegato ai macchinari salvavita. 

I genitori hanno autorizzato l'espianto degli organi per la donazione, scrive il Resto del Carlino. Il piccolo si trovava in casa con la nonna e giocava nel cortile. 

"Le era stato affidato come tante altre volte, essendo il padre Pedro al lavoro e la madre Laura fuori dall’Italia con l’altra figlia, di 5 anni. Filippo era annegato mentre la nonna faceva avanti e indietro nel cortile, cercando di recuperare alcuni mobili dall’abitazione inagibile dopo il terremoto".

"La tragedia si è consumata in pochi secondi. Sono finita, piena di sensi di colpa", aveva detto la donna quella terribile mattina. Lei stessa aveva cercato di rianimare il bambino seguendo le dritte telefoniche del 118. Filippo era stato portato in eliambulanza in ospedale. Poi, dopo sei giorni di agonia, il tragico epilogo.

"Sulla base di quanto segnalato dai carabinieri, il sostituto procuratore Claudio Rastrelli ha iscritto la nonna nel registro degli indagati, per omicidio colposo in conseguenza dell’abbandono di minore".
 

Fonte: Il Resto del Carlino →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambino muore dopo una caduta in piscina: donati gli organi

Today è in caricamento