Domenica, 13 Giugno 2021

Aylan, morto a tre anni in mare: "Stava fuggendo con la famiglia"

Chi era il piccolo immortalato nella foto che sta facendo il giro del mondo. Anche il fratellino è rimasto ucciso nella traversata del Mediterraneo

Il piccolo Aylan con il fratellino Galip

La foto del bambino trovato senza vita sulla spiaggia turca di Bodrum ha fatto il giro del mondo, tra polemiche e indignazione. Si chiamava Aylan Kurdi, aveva tre anni e veniva da Kobane, la città dell'attuale Kurdistan siriano assediata dai miliziani dello Stato islamico. Questo scatto, diffuso su Twitter, lo ritrae insieme al fratello Galip, di cinque anni, anche lui rimasto ucciso nella traversata tra la costa della Turchia e l'isola greca di Kos.

La famiglia del bambino aveva fatto richiesta di asilo in Canada, ma era stata respinta e per questa ragione avrebbe poi tentato il viaggio della speranza affidandosi alle mani dei trafficanti. La stampa inglese spiega come la zia di Aylan, Teema Kurdi, che ora vive in Canada, sia stata contattata dal padre del bambino, sopravvissuto alla traversata, che le ha dato la notizia della morte dei figli e della moglie. Teema avrebbe tentato invano di far ottenere il visto alla famiglia per trasferirsi in Canada, ma la richiesta sarebbe stata rifiutata a giugno.

Il piccolo Aylan - come racconta The National Post - si trovava a bordo di una delle due barche che ieri si sono capovolte nel mar Egeo poco dopo aver lasciato la riva, a poche miglia dalla costa. Erano dirette all’isola greca di Kos. Insieme al piccolo hanno perso la vita almeno altre dodici persone. Tra loro il fratellino di Aylan, Galip, cinque anni, e la mamma, Rihan, 35enne. Il corpo di Aylan, maglietta rossa e pantaloncini, è stato raccolto da un poliziotto turco.
 

Fonte: National Post →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aylan, morto a tre anni in mare: "Stava fuggendo con la famiglia"

Today è in caricamento