Giovedì, 16 Settembre 2021
Il caso

Matteo Bassetti dopo l'aggressione: "Lo Stato si muova, ho già fatto 70 denunce"

"La magistratura e lo Stato devono intervenire", ribadisce il direttore del reparto di Malattie Infettive del San Martino di Genova, da tempo bersaglio di minacce e insulti via social e ora aggredito da un no vax sotto casa

Matteo Bassetti ha raccontato al Corriere della Sera l'aggressione verbale e quasi fisica di cui è stato vittima nella serata di lunedì da parte di un no vax che lo ha insultato e minacciato di morte. "Ho saputo che si tratta di un uomo di 46 anni che è stato portato in Questura. È stato denunciato direttamente dalla polizia, e anche da me: è la settantesima denuncia che presenta il mio avvocato", ha detto Bassetti.

"Ero appena rientrato con mia moglie e i miei figli da una breve vacanza in Sardegna. Sono uscito per comperare certi piccoli sigari che ogni tanto fumo: c'è un tabaccaio, vicino a casa, aperto fino a tardi. Sto per rientrare e vedo su di me uno sguardo di persona che mi riconosce. Ha cominciato a ricoprirmi di insulti (tralasciamo qui le parolacce) e mi urlava: 'I vaccini fatteli tu'. E ancora: 'Ti ammazzo'", ha ricostruito Bassetti. "Non mi sono avvicinato a casa e ho tirato dritto, come se non avessi sentito, mentre lui mi gridava: 'Girati s…'. Così mi aveva istruito la Digos: sono sotto sorveglianza e ho subito chiamato una loro pattuglia di cui ho il numero diretto, senza passare dal 112. In tre minuti sono arrivati". L'aggressore, ha detto il medico, è fuggito quando ha sentito arrivare le sirene ma è stato subito raggiunto dagli agenti e portato in Questura.

Minacce e insulti, Bassetti bersaglio dei no vax

Bassetti è da tempo bersaglio di aggressioni via social, iniziate a dicembre dell'anno scorso, con l'arrivo dei vaccini. "Io ho sempre assunto posizioni pro vax, come del resto tutti coloro che fanno il mio mestiere e le ho sempre sostenute", ha ribadito Bassetti. Ci sono state in passato "minacce di morte a me e alla mia famiglia", ha ricordato, ma anche "lettere anonime indirizzate al mio ospedale, successivamente con telefonate, sempre anonime, alla segreteria dell'ospedale e a mia moglie". Non solo: "Negli ultimi giorni, via Telegram, hanno reso pubblico il numero del mio cellulare: continuo a ricevere messaggi di insulti e minacce".

"Parliamo di no vax, ma ci sono anche i no-green pass - ha detto Bassetti - un errore sarebbe considerarli folkloristici e personalistici: al loro interno c'è un po' di tutto. Molte di queste persone sono veri e propri delinquenti, gestiti non si capisce bene da chi: il colore politico non c'entra, a mio avviso. Lo slogan è 'andare contro' e il vaccino anti Covid è l'obiettivo principale che hanno scelto. La magistratura e lo Stato, però, devono intervenire - ha concluso - sono fenomeni pericolosi anche se promossi, alla fine da quattro gatti. Che hanno, purtroppo, molta visibilità".

Fonte: Corriere della Sera →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matteo Bassetti dopo l'aggressione: "Lo Stato si muova, ho già fatto 70 denunce"

Today è in caricamento