Lunedì, 20 Settembre 2021

Benigni corregge Renzi: "I corrotti non devono andare a casa, ma in galera"

"Vadano in carcere e ci restituiscano i soldi": il comico fiorentino riprende le dichiarazioni del premier sugli scandali giudiziari di questi giorni, tra Mose ed Expo e commenta i risultati delle europee: "Vittoria meritata"

Mentre le inchieste giudiziarie stanno sconvolgendo la politica italiana da nord a sud, Roberto Benigni, durante il suo dialogo con Eugenio Scalfari a Napoli per la "Repubblica delle Idee", ha deciso di commentare gli ultimi avvenimenti e riprende anche il presidente del consiglio: "Renzi ha detto vadano a casa, ma devono andare in galera e restituire i soldi. Sono deboli e vili, gli ultimi tra gli ultimi".

Nonostante gli corregga le dichiarazioni, Benigni aggiunge anche che l'ottimo risultato del Pd alle europee è più che meritato, al punto che " ora in Bulgaria parlano di percentuali renziane" afferma ironicamente.

Ma il comico fiorentino è sempre un fiume in piena e continua parlando dello scandalo Mose: "A Venezia stanno costruendo una grande opera, un nuovo carcere". Poi va avanti parlando anche dell'Expo: "Siamo nella grande tradizione italiana: dopo il Nabucco di Verdi e la Norma di Bellini, continuiamo con le grandi opere. L'Expo di Greganti-Frigerio, il Mose di Galan-Orsoni».

Fonte: Il Mattino →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benigni corregge Renzi: "I corrotti non devono andare a casa, ma in galera"

Today è in caricamento