Giovedì, 5 Agosto 2021

Bimbo di due anni rischia la morte: aveva un polpo incastrato in gola

Tragedia sfiorata a Wichita, negli Stati Uniti. I medici del pronto soccorso sono riusciti a salvare il bimbo anche se non è chiaro come l'incidente sia avvenuto. La polizia ha arrestato e poi rilasciato il patrigno del piccolo

Un bimbo di appena due anni ha rischiato di morire in maniera atroce, quasi soffocato da un polpo crudo rimasto incastrato nella sua gola.

Quando la mamma è tornata a casa ha trovato il suo compagno, Matthew Gallegher, chino sul piccolo mentre cercava di rianimarlo. Immediata la corsa presso l'ospedale di Wichita, nello stato americano del Kansas, dove i dottori hanno rimosso un polpo di quasi cinque centimetri.

Inizialmente le condizioni del bimbo, che aveva inoltre degli strani graffi sul viso, erano molto gravi, dovute alla mancanza di ossigeno che avrebbe potuto provocare danni al cervello ma i dottori sono riusciti a stabilizzarlo ed lo hanno dimesso.

La polizia di Wichita ha arrestato Gallagher perché sospettato di aver abusato del piccolo. Le sue spiegazioni sulle circostanze che hanno portato all'incidente non hanno convinto gli investigatori. L'uomo in seguito è stato rilasciato ma l'inchiesta è ancora in corso e gli inquirenti non escludono di formulare nuove accuse contro di lui. 

Fonte: New York Daily News →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbo di due anni rischia la morte: aveva un polpo incastrato in gola

Today è in caricamento