Bimbo morto a Modica, il dolore del papà: "Lo hanno ammazzato mentre ero lontano per lavoro"

L'uomo si trovava a Genova, nelle scorse settimane aveva presentato un esposto per maltrattamenti: "Perché i servizi sociali sono rimasti fermi?"

La casa delle coppia a Rosolini, nel Siracusano, dove si è consumata la tragedia, 18 agosto 2020. ANSA/ FRANCESCO RUTA

"Sto andando a vedere come hanno ridotto mio figlio, sono confuso e non ho voglia di parlare con nessuno. Lo hanno ammazzato, non sono riuscito a difenderlo perché ero lontano per lavoro. Ma pagheranno tutto". Lo dice in un'intervista al quotidiano 'La Stampa', il padre del bimbo di 20 mesi morto a Modica, secondo i medici in seguito a violente percosse, a parlare . L'uomo è partito da Genova, dove cercava lavoro, per fare  rientro in Sicilia. Dopo la morte del bambino, la polizia ha fermato la madre di Evan e il convivente della donna, un 32enne che non è il padre del piccolo. I due abitavano insieme a Rosolini, nel Siracusano. I reati ipotizzati sono omicidio volontario e maltrattamenti in famiglia.

Stando a quanto si è appreso, il padre del bimbo aveva presentato nelle settimane scorse un esposto contro ignoti proprio per maltrattamenti. "Non so cosa sia successo, spero me lo dicano quelli che dovevano fermare gli assassini. Io dalle foto che mi ha mandato mia madre ho capito che Evan non stava bene, quei segni sul faccino erano troppo evidenti. Mi chiedo come abbiano fatto gli altri a non notarli. Perché la famiglia della mia ex compagna non ha fatto niente per fermare quell'orrore? Perché i servizi sociali sono rimasti fermi?".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stando al racconto dell'uomo, la nonna del bimbo aveva chiesto chiarimenti alla coppia. I due però avrebbero giustificato i lividi dicendo che il bambino "era caduto giocando. Io non ci ho mai creduto - dice ora il papà -, ma non potevo fare nulla perché mi impedivano perfino di parlare con mio figlio. Solo quando era con mia mamma potevo giocarci, facendomi vedere nello schermo dello smartphone. E lui sorrideva".

Fonte: La Stampa →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento