Mercoledì, 28 Ottobre 2020
Foto di repertorio

La storia del bambino umiliato a scuola per aver dimenticato l'astuccio

Lasciato a fissare il vuoto per otto ore: a causa delle norme anti-Covid: nessuno poteva prestargli una matita. La denuncia della madre: "I maestri inflessibili come generali in battaglia, è mancato il buon senso"

Lasciato a fissare il vuoto per otto ore perché sprovvisto dell'astuccio, dimenticato a casa dalla madre, e quindi della matite per lavorare. A denunciare l'episodio, avvenuto in una scuola elementare di Muggia (Trieste), è stata Cristiana Crevatin dopo il racconto fattole dal figlio, un bimbo di sette anni, una volta tornato a casa. "I maestri - spiega la donna a Nicolò Giraldi di TriestePrima -, per l'intera giornata di scuola, gli hanno impedito di usare altre matite, sostenendo che a causa delle stringenti misure anti Covid, nessuno avrebbe potuto prestargliene una, per il potenziale rischio contagio".

"Ho scritto una lettera alla dirigenza - afferma Cristiana, che nella vita è anche avvocato - ma non mi hanno ancora risposto. Faccio mea culpa, una madre di fretta prepara la merenda ma non controlla l'astuccio". 

"I maestri inflessibili come generali in battaglia"

"Abbiamo le lavagne interattive, il registro elettronico, l'account del bambino (la famiglia è in costante collegamento con un'applicazione chiamata Classe Viva ndr)  - dice ancora la madre dell'alunno - ma i maestri, chiamati a gestire un bambino smemorato, non hanno avuto l'elasticità mentale per igienizzare una matita qualunque con del gel per le mani". Insomma, taglia corto la donna, i maestri "hanno preferito applicare alla lettera le linee guida in materia anti covid. Inflessibili come generali in battaglia". 

Dimentica le matite a casa: bimbo lasciato per ore a fissare il foglio bianco

Ciò che denuncia Crevatin èla mancanza di elasticità da parte degli insegnanti. A venir meno, forse per un eccesso di timore nell'infrangere i protocolli, è stato soprattutto il buonsenso. "Siamo umani e dovremmo essere in grado di risolvere un problema come questo e non trovarci ad applicare una norma come un robot".

Stando a quanto racconta la madre, il bimbo è stato lasciato a fissare il vuoto e il quaderno bianco per otto lunghe ore. "Si è preferito mortificare un bambino di sette anni, con la nota sul registro, ma soprattutto lasciandolo, seduto, fermo mentre gli altri scrivevano sul loro quaderno, ora dopo ora, per un'intera giornata di scuola. Siamo sicuri di non aver esagerato? Siamo sicuri a mandare a scuola i nostri figli? Sono 'sicuri' i docenti? Non intendo sicuri in quanto non positivi al CoViD, intendo sicuri per affidare loro per otto ore i nostri figli?". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il dispiacere della scuola

Dalla scuola, scrive TriestePrima, trapela il dispiacere per un episodio che certamente poteva essere gestito diversamente. Le raccomandazioni fornite dalla dirigente scolastica verrebbero infatti applicate con uno zelo che appare comprensibile, anche se eccessivo. Per poter ovviare al problema, alla scuola di Muggia è in programma un incontro di formazione sulle misure anti CoViD-19, dove a partecipare saranno soprattutto quegli stessi docenti impauriti a cui è mancato buon senso. Dopotutto bastava davvero poco. 

Fonte: TriestePrima →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

-

Potrebbe interessarti

La storia del bambino umiliato a scuola per aver dimenticato l'astuccio
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...