Sabato, 31 Luglio 2021

Coronavirus: "Nessun rischio a mangiare cinese". Sui social la fake news della Tachipirina

ll ministro della salute Roberto Speranza all'AdnKronos: c'è un "terrore non giustificato, la situazione è seria" ma "nel nostro Paese al momento non c'è emergenza". Burioni: "Mortalità del 2% non è bassa, più o meno come l'influenza spagnola del 1918"

Roberto Speranza, ANSA

''Non c'è nessun rischio a mangiare cinese né con i prodotti cinesi''. Lo ha assicurato il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervistato dall'Adnkronos. "Ieri ho incontrato l'ambasciatore cinese e i rapporti sono cordiali dobbiamo evitare messaggi di natura fuorviante sulla comunità cinese", è l'appello del ministro della Salute che (ovviamente) ha parlato a lungo del Coronavirus. Quella sul cibo cinese come possibile fonte di trasmissione del virus non è l'unica bufala che gira in rete. Nelle ultime ore sui social c'è anche chi suggerisce di assumere la Tachipirina per evitare i rischi di un contagio: si tratta però di "una fake news" argomenta Speranza. "Fuori dalla Cina ci sono pochi casi, poche unità. Le indicazioni dobbiamo farle dare a chi ha competenze scientifiche e la comunità scientifica è al lavoro". 

Coronavirus, Speranza: in Italia "terrore non giustificato"

Ad ogni modo, sul virus cinese c'è un "terrore non giustificato", ha sottolineato. "La situazione è seria" ma "nel nostro Paese al momento non c'è emergenza".

 "È la scienza a darci le indicazioni che bisogna seguire e che riconoscono la funzione storica dei vaccini" ha aggiunto il ministro. “E vedete in queste ore" in cui si teme l'epidemia di coronavirus in Cina "la domanda che tutti si fanno è se la scienza sarà in grado di darci un vaccino, uno scudo" contro l'infezione. "In questi momenti si capisce cosa significa veramente la scienza". Il ministro ha poi invitato gli italiani a non fare viaggi in Cina se non in casi di estrema necessità.

"Sul piano italiano ci siamo comportati come se fosse già stata dichiarata l'emergenza, alzando l'asticella il più possibile" ha detto ancora Speranza, "ma dobbiamo coordinarci a livello internazionale - sottolinea - Credo che la Cina stia facendo tutto il possibile con risultati significativi".

Burioni: "La mortalità del 2% non è bassa"

Sul tema del Coronavirus oggi è intervenuto anche il virologo Roberto Burioni. La mortalità del virus cinese"non è bassa, circa il 2%, ed è più o meno quella dell'influenza Spagnola del 1918” ha detto Burioni, ospite della trasmissione 'Uno, nessuno 100Milan' in onda su 'Radio24'.” Ma deve essere presa con le molle: c'è la forte sensazione che i numeri di casi che arrivano dalla Cina siano sottostimati e questo succede spesso perché vengono contati solo i casi gravi. I casi dovrebbero essere forse 5 mila".

Farnesina: domani un aereo a Wuhan per rimpatriare gli italiani

Intanto l'Unita' di Crisi della Farnesina sta organizzando un volo per rimpatriare i cittadini italiani bloccati a Wuhan, la città cinese maggiormente coinvolta dal nuovo coronavirus. Secondo quanto riporta una nota, il velivolo, previsto in partenza dall'Italia domani una volta acquisite le necessarie autorizzazioni da parte cinese, raggiungerà direttamente l'aeroporto di Wuhan con a bordo personale medico specializzato, infermieri e adeguato equipaggiamento sanitario per garantire un trasporto sicuro. All'arrivo in Italia i connazionali seguiranno un protocollo sanitario definito dal ministero della Salute.

Fonte: Adnkronos →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus: "Nessun rischio a mangiare cinese". Sui social la fake news della Tachipirina

Today è in caricamento