rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022

"Carcere per i clienti delle prostitute"

Arriva alla Camera una proposta di legge firmata da un gruppo di deputati cattolici: ne parla il quotidiano Libero

ROMA - I nuovi criteri previsti a livello europeo per il calcolo del Pil consentiranno di includere la stima della ricchezza prodotta dai traffici illeciti, prostituzione inclusa. E proprio in questi giorni arriva alla Camera una proposta di legge che, come spiega Fosca Bincher su Libero, punta al risultato opposto: ridurre l'attività e il mercato della prostituzione, punendo duramente i clienti delle lucciole, prima con multe salatissime e poi (in caso di reiterazione del reato) con il carcere.

A firmare la proposta sono alcuni deputati cattolici come Rocco Buttiglione e Paola Binetti, membri del piccolo gruppo di maggioranza "Per l'Italia" (nato dalla scissione di Lista civica di Mario Monti). 

I deputati proponenti si rifanno al modello svedese - dove appunto i clienti vengono multati e puniti - e citano anche un rapporto pubblicato sul Michigan Journal of International Law in cui sarebbe "evidenziato come la legge svedese sia davvero stata capace di portare a una riduzione molto sensibile del fenomeno". Se questa proposta divenisse legge, il cliente pizzicato con una prostituta per la prima volta si prenderebbe una multa oscillante fra 500 e duemila euro. 

La seconda volta una multa fra mille e 4 mila euro. La terza si sale ancora: fra 1.500 e seimila euro. Dalla quarta in poi si rischia anche la galera. In caso di reiterazione del reato per più di tre volte, il soggetto che ha commesso il reato è condannato alla reclusione da tre mesi a un anno.

Fonte: Libero →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Carcere per i clienti delle prostitute"

Today è in caricamento