rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022

"Voglio il kebab al ristorante della Camera"

Khalid Chaouki, eletto con il Partito democatico nell'ultima tornata elettorale, chiede che la buvette della Camera dei Deputati si organizzi per fornire piatti a base di carne halal, consentita agli islamici

Il deputato Khalid Chaouki, eletto con il Partito democatico nell'ultima tornata elettorale, è musulmano praticante e in questo mese ha fatto il Ramadan.

Ora che il Ramadan è volto al termine spera di poterlo festeggiare anche nel luogo di lavoro e chiede che la buvette della Camera dei Deputati si organizzi per fornire piatti a base di carne halal, consentita agli islamici, e magari anche un imam che possa lavorare fianco a fianco con il cappellano di Montecitorio.

La Stampa l'ha intervistato: "So che quello che dico può sembrare una provocazione, ma il mio intento è di aprire un dibattito sulla prospettiva multireligiosa della nostra società e quindi anche del nostro Parlamento,  e su come i luoghi pubblici e delle istituzioni debbano garantire la possibilità a tutti di avere a disposizione cibo lecito per la propria religione" racconta Khalid Chaouki.

Il Parlamento ci costa 784 milioni di euro l'anno: ecco il dossier

Al ristorante della Camera, spiega ancora, "a volte si rischia di vedersi servire crocchette che dovrebbero essere vegetariane e invece contengono prosciutto".

Non teme di scatenare una polemica?  
«Dobbiamo rendere le istituzioni all’altezza dei cambiamenti della società. Anche se sull’Islam ci sono molti pregiudizi: invece, come tra i deputati ci sono cattolici che votano da laici, possono esserci anche musulmani che sono legislatori laici».

Fonte: La Stampa →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Voglio il kebab al ristorante della Camera"

Today è in caricamento