Lunedì, 25 Ottobre 2021

Addio denunce, chi perde la carta d’identità può andare direttamente in Comune

L’annuncio del commissario alla spending review Gutgeld: "Liberare agenti delle forze dell'ordine da adempimenti burocratici a basso valore aggiunto"

Quasi tre milioni di denunce di smarrimento dei documenti ogni anno, un numero enorme e un adempimento burocratico che assorbe centinaia di uomini, tra carabinieri e polizia, in una attività amministrativa a basso valore aggiunto, praticamente inutile. "L’idea è quella di creare un meccanismo per il quale se uno perde la carta d’identità va direttamente al Comune". Lo ha annunciato il commissario alla spending review Yoram Gutgeld in commissione Federalismo fiscale,

"Così si semplifica la vita ai cittadini e si liberano forze a presidio del territorio. Con il blocco del turnover e i trasferimenti (ad esempio ai tribunali) abbiamo diminuito il numero di persone nella Pubblica amministrazione del 4%, nei ministeri la riduzione è quasi del 7%" ha aggiunto Gutgeld ricordando che il lavoro fatto finora "ha portato nel 2017 a una riduzione di spesa di quasi 30 miliardi al netto del costo del personale".

"Il 17% dei risparmi  è relativo alla P.a. locale, il 24% alla P.a. centrale. Grosso modo, la spesa pubblica italiana - ha ricordato il commissario - è di 830 miliardi: circa 300 rappresentano il “cuore” dei servizi pubblici (scuola, sanità, forze di polizia), una sessantina di miliardi sono investimenti in conto capitale, la spesa sociale è quasi 340 miliardi e poi gli interessi sul debito. I tagli si sono concentrati sulla spesa aggredibile, cioè sul costo della “macchina” dei servizi pubblici".  

Fonte: La Stampa →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio denunce, chi perde la carta d’identità può andare direttamente in Comune

Today è in caricamento