Domenica, 20 Giugno 2021

Catania, insultato e cacciato via dalla spiaggia perché gay

Una brutta avventura per il giovane Giuseppe Fiandaca: insieme agli amici aveva deciso di trascorrere la giornata al mare. Ma la titolare dello stabilimento non era d'accordo e lo ha cacciato via

"Tu e i tuoi amici non potete entrare in spiaggia, qui gli omosessuali non mettono piede" è quanto si è sentito dire Giuseppe Fiandaca che aveva deciso di passare una giornata al mare in uno stabilimento in via Spiaggia sul litorale di Mascali, nel catanese. Il giovane di 22 anni ha raccontato la sua esperienza al quotidiano La Sicilia. 

Rispetto a quanto successo fa le sue considerazioni: "Essere gay non vuol dire essere appestati e quanto è successo a me non deve più accadere". Per questo il giovane ha voluto fare un appello insieme all’associazione Arcigay e “a circoli e movimenti che si battono per difendere i diritti e la dignità delle persone omosessuali” per insistere nella battaglia contro le discriminazioni sessuali e “far capire a questi soggetti che la devono smettere di insultarci”. 

Fonte: La Sicilia →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Catania, insultato e cacciato via dalla spiaggia perché gay

Today è in caricamento