Domenica, 17 Ottobre 2021

Cenare e scappare, senza pagare: l'ultima "moda" dell'estate

Lo chiamano "cenare alla greca" ovvero contro la crisi il conto non si paga. A farne le spese i ristoratori: "Siamo impotenti"

Una bella cenetta con gli amici, magari in cui ci si lascia passare degli "sfizi" che solitamente non ci concediamo. Poi, al momento giusto, si scappa e così non si paga il conto. Sembra proprio che il fenomeno della "cena alla greca" si stia diffondendo più del dovuto, diventando una vera e propria moda. A farne le spese sono, ovviamente, i ristoratori: "Il vero dramma è che abbiamo strumenti limitati per intervenire" denuncia Marcello Fiore, il direttore della Federazione italiana pubblici esercizi (Fipe), organizzazione che raggruppa 150 mila aziende, dal barista sotto casa agli autogrill autostradali.  

Il reato c'è: si chiama insolvenza fraudolenta. Ma a mancare sono le querele. Ma anche a cogliere i clienti in flagrante, si può fare poco: "Non è possibile trattenere il cliente contro la sua volontà perché si andrebbe incontro al reato di sequestro di persona. Bisogna aspettare le forze dell’ordine" spiega dagli uffici romani della Fipe lo stesso Fiore. Il ristoratore, d’altronde, non può procedere nemmeno all’identificazione di chi non paga, cosa che spetta al pubblico ufficiale. 

Fonte: La Stampa →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cenare e scappare, senza pagare: l'ultima "moda" dell'estate

Today è in caricamento